The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Dionisio Capuano, Blow Up, no. 104, January 1, 2007

Con un senso della misura quasi sospetto, ma efficace, la clarinettista Lori Freedman ritaglia segmenti da tre serate di sessions nel corso delle quali ha interagito con musicisti dell’area “creativa” canadese-internazionale. Ognuno dei sets, in forma di trio, possiede una propria natura, in ragione delle peculiari line-ups. Con i giradischi di Tétreault e la chitarra di Lussier viene imbastito un dialogo aspro ma controllato, quasi no-jazz (the tribe of triclops), con l’appendice di una bella soluzione slacker-impro: locked groove, slide e note lunghe d’ancia (spaghetti brûlé). L’elemento del gioco e dell’assurdo predomina nel ménage assieme a Derome (sax e piccoli oggetti) e Rainer Wiens (chitarra preparata): atmosfere da circo sulfureo (babalou) che tracimano nell’allucinazione quasi informale (poussière de lune). Il contrabbasso di Nicolas Caloia costruisce architetture jazz contaminate (tigresse, six degrees) e, insieme alle percussioni di Danielle Palardy Roger, partecipa a destrutturazioni quasi elettroacustiche (the light of night) tra le quali s’insinua il clarinetto. Momenti scelti ed estrapolati con estrema attenzione che poi l’accorto Michel F Côté, in post-produzione, sporca di bave sonore e tessiture anomale.

3

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.