The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Ruggero Formenti, Agartha, September 26, 2006

Dischi con un sound tipicamente “Ambiances Magnétiques”, Ravir (1985) e Simoneda, reine des esclaves (1988) opera delle Wondeur Brass, possono essere descritti come avant-RIO di chiara matrice francofona, con qualche suono sintetico di troppo (specialmente nella ritmica) dovuto probabilmente all’epoca a cui i due lavori risalgono, alcune buone idee, purtroppo non sviluppate con quell’inclinazione progressiva a noi tanto cara, dei frammenti di musica accomunabili a certe cose dei Miriodor (che, comunque, nella loro massima espressione rimangono su di un altro pianeta…), voce ed interpretazione femminile in classico RIO stile, del rumorismo (moderato) ed un tessuto talvolta minimale… che altro posso aggiungere? Voi che ci leggete (…tutti quanti voi tre) avete già ampiamente capito di che si tratta e cosa aspettarvi esattamente da questi due pezzi di plastica (e sì, di vinile trattasi …ancora in vendita, facilmente ed economicamente reperibile, ma pur sempre vinile: per il sottoscritto un fatto negativo, per qualcuno di voi, lo so, uno stimolo in più… ). Qualche altra informazione utile: dalle ceneri delle Wondeur Brass sorsero poi le Justine, di cui consigliamo entrambi i due lavori editi nel 1990 e nel 1994, rispettivamente intitolati Suite e Langages fantastiques. Esiste una compilation in cd delle Wondeur Brass contenente buona parte dei due vinili e qualche pezzo di un’altro gruppo correlato, Les poules, composto da tre ex membri delle Wondeur Brass che nel 1986 pubblicarono Les contes de l’amère loi e più di quindici anni dopo Prairies orange. Quel che vi ho raccontato non è sufficiente per decidere o meno l’acquisto? … Se avete i due lavori delle Justine e vi piacciono, procuratevi anche i due vinili delle Wondeur Brass, se non li avete, partite dai cds delle Justine, se conoscete i lavori delle Justine e non li apprezzate, evitate anche le Wondeur Brass.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.