The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Dionisio Capuano, Blow Up, no. 101, October 1, 2006

Cartier canta l’amore, nelle sue ramificazioni incarnite. Tra gli autori: Apollinaire, Pierre Perrault, Gaston Miron. Si ispira agli standard del jazz, alle Broadway love songs, ad Autumn Leaves, ma soprattutto alla malincolia della canzone di Jacques Prévert, Les feuilles mortes. Sceglie autori e lingua francese; e chissà, sarà pure una scelta politica, un corollario emotivo a Le trésor de la langue. Il gruppo di musicisti che lo accompagna è straordinario: Jean Derome, Pierre Tanguay, Bernard Falaise, Jean René, Tom Walsh. Se Il nous aurait fallu, attraversata dallo struggente trombone di Walsh, ha l’appeal del classico “amore perduto” e s’appiccica addosso, ancor più sconvolgente è la capacità di Cartier di penetrare i testi con musica e voce, facendo germinare melodie che si diramano attraverso lo splendore esecutivo del quintetto (sic). Sia quando la metrica e la struttura sono propriamente jazz (Dédicace de la belle sspérance), sia quando fanno eco alla ballata arcaizzante, nelle cadenze della viola di René e del flauto di Derome (La chanson de Marie). Ampiezza di respiro e ricchezza interpretativa della musica, che non vedono soluzione di continuità tra il canto di Cartier e il solo di chitarra di Falaise (Portrait), tra l’impasto orchestrale e il passaggio solistico. È un dilagare sentimentale, come nei dodici minuti di Mirabeau: languoroso tema quasi intessuto di sublime saudade da inconscio collettivo. (7,8/10)

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.