The New & Avant-garde Music Store

Visti & Sentiti

Andrea Amadasi, Blow Up, no. 102, November 1, 2006

FoodSoon, XM 24, Bologna, 10 ottobre

Malgrado l’ingresso a prezzo assolutamente politico e il titolo di disco del mese su queste pagine con Somelove, sono pochi quelli che stasera decidono di sferzare una botta di vita con il concerto dei FoodSoon ed è un peccato anche se poi la situazione complessiva è risultata comunque fascinosa. Perché l’estetica rétro del luogo bene si accompagna alla materia assemblata dal trio canadese, pregna di germogli kraut nella spina dorsale poi allargata su alt(r)e frequenze luogo-temporali e riepilogata per comodità alla voce avant-rock. Le composizioni sono robuste quanto enigmatiche, (dis)articolate su una batteria massiccia che tiene puntigliosamente il passo alle parti di chitarra, soprattutto quando la tangente vira repentinamente verso il noise controllato, a legarli tra loro i brandelli di tappezzeria elettronica gestiti con equilibrio dall’italo-canadese Fabrizio Gilardino, per un saliscendi mentale tra colonne sonore prese in prestito alla siderurgia e litanie tribali che aprono a scenari più tortuosi e concettuali. È un concerto breve, un’oretta scarsa incentrata sui titoli di quel disco che tanta attenzione catturò ad inizio anno e che alla prova del palco conferma di meritare in pieno e persino ampliare.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.