The New & Avant-garde Music Store

Post

Recensione

Davide Ingrosso, SentireAscoltare, May 11, 2019
Tuesday, May 14, 2019 Press

Nobili gli intenti del sassofonista, flautista e compositore canadese Jean Derome, classe 1955, che con questo Somebody Special dedica uno splendido omaggio alla memoria di Steve Lacy: si tratta di dieci composizioni estratte dal vasto canzoniere del sassofonista americano, scomparso nel 2004 all’età di 69 anni. Atto dovuto, se consideriamo che Steve Lacy, che ha vissuto a lungo a Parigi e per un breve periodo anche a Roma, viene ricordato prima di tutto per aver riabilitato ed esplorato uno strumento, il sax soprano, che nel jazz era fermo agli anni Trenta e a Sydney Bechet. «Ma molti hanno dimenticato che questo gigante del sax soprano ha composto anche centinaia di bellissime canzoni», sottolinea giustamente Jean Derome nelle note che accompagnano il disco, uscito di recente su Ambiences Magnétiques. Il quintetto è completato da comprimari di lungo corso come Pierre Tanguay alla batteria e Normand Guilbeault al contrabbasso, cui si aggiungono Alexandre Grogg al pianoforte e la cantante Karen Young.

Negli ultimi quindici anni abbiamo ascoltato le rivisitazioni del Rova Saxophone Quartet e gli studi in solitaria e non (non per forza al sassofono soprano, anzi) di Roberto Ottaviano, Matt Gustafsson, Gianni Mimmo e svariati altri. Ci sono persino dei gruppi interamente dedicati alla musica di Steve Lacy, dai The Rent ai The Whammies, passando per il progetto Ideal Breads di casa Cuneiform Records. Ma in pochi hanno rivolto la loro attenzione esclusivamente alle canzoni, tutte ovviamente bellissime e con versi estratti da poesie beat, da testi di filosofia Zen o da classici nascosti della letteratura mondiale. Lacy aveva iniziato a comporle nei primi anni Settanta per la voce della moglie, la violoncellista e cantante svizzera Irene Aebi, per poi coinvolgerle in un processo continuo, decennale, di trasfigurazioni e nuovi arrangiamenti.

E di questo si tratta, di ri-arrangiamenti, nelle dieci canzoni scelte da Jean Derome, basate su testi di Herman Melville, Brion Gysin, Po Kiu-yi, Lao-Tzu, Thomas Gainsborough e Judith Malina. L’effetto è piacevole e curioso, dal momento che Derome e soci fanno respirare, aprono e rendono accessibili delle musiche che, originariamente, presentano aspetti di non-immediatezza, dinamiche storte, angoli bui, strutture complicate e passaggi intricati: in pratica, quello che Lacy andava inquadrando sotto la definizione di poly-free; ciò che della sua musica è il tratto caratteristico. Qui, invece, gira tutto intorno alla voce di Karen Young, meravigliosa e accogliente, capace di modulazioni che impressionano, viva, vivace e ricca di calore umano. Una carezza sul viso, laddove il timbro vocale di Irene Aebi, a causa delle inflessioni da perfetta cantante d’opera, continua in molti casi a rappresentare uno scoglio per chi desidera avvicinarsi allo sconfinato corpus discografico di Steve Lacy.

Tra un senso classico dello swing e l’eleganza del miglior vocal jazz, queste cover sono quanto di più accessibile si possa trovare nella discografia di un autore obliquo e imprevedibile come Jean Derome, legato a formazioni che parlano i linguaggi dell’art-brut e del kitsch (pensiamo al jazz-rock mutante e cacofonico dei suoi Dangereux Zhoms, fondati negli anni Novanta), dell’improvvisazione rigorosa e della musica da camera. Ma qui la storia è un’altra e — leggiamo ancora nelle note — «l’intera comunità jazz dovrà cogliere la musica di Steve Lacy per mantenerla in vita». Nient’altro da aggiungere.

L’effetto è piacevole e curioso, dal momento che Derome e soci fanno respirare, aprono e rendono accessibili delle musiche che, originariamente, presentano aspetti di non-immediatezza, dinamiche storte, angoli bui, strutture complicate e passaggi intricati…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.