The New & Avant-garde Music Store

Some Love Foodsoon

Foodsoon is a rhythm & tape trio, frenetically driven by the powefull rhythm section of drummer Alexander MacSween and guitarist Bernard Falaise. Foodsoon runs fast and low. Added to the mix is the high-mid monomaniac textural interplay of Fabrizio Gilardino on tape decks. This trio is mannered without mercy. They make no bones and kiss no ass. Some Love is their first release. Cover yourself. 18 tracks recorded at the hotel2tango in February and March 2005, about 40 minutes of Raw Rhythmic Music (the infamous RRM described years ago by a young John Lydon).

  • &records
  • ET 04 / 2005
  • Total duration: 41:02

Some Love

Foodsoon

Bernard Falaise, Fabrizio Gilardino, Alexander MacSween

In the Press

  • Pierre Durr, Revue & Corrigée, no. 71, March 1, 2007
  • Rigobert Dittmann, Bad Alchemy, no. 52, November 1, 2006
  • Giorgio Pace, Rocklab, September 21, 2006
    Alla fine lo ascolti perchè sembra l’ultima cosa genuina rock/noise rimasta sulla faccia della terra.
  • Dolf Mulder, Vital, no. 539, August 16, 2006
  • S Chema, Pop-Page, August 15, 2006
    Al lado de éstos, gente como Wolf Eyes, Black Dice o No-Neck Blues Band hacen pop. Hoy por hoy no encontrarán nada más arriesgado. Así que abróchense los cinturones.
  • Emilio Cozzi, Rolling Stone Italia, no. 32, June 1, 2006
  • Maurizio Blatto, News Spettacolo, May 31, 2006
  • François Couture, AllMusic, April 24, 2006
    Well recorded, cleverly mixed, and powerfully composed…
  • Kevin Hainey, Exclaim!, April 4, 2006
    The results they come up with are nothing short of stunning.
  • Vittore Baroni, Rumore, no. 170, March 1, 2006
  • Danilo Corgnati, Liverock, February 26, 2006
  • François Nadon, Ici Montréal, no. 9:21, February 16, 2006
    … le tout se digère si bien qu’on en redemanderait une autre portion.
  • Michele Coralli, Altremusiche, February 1, 2006
  • Martino Lorusso, SentireAscoltare, February 1, 2006
  • Guido Amari, Rocksound, no. 93, February 1, 2006
  • Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 93, February 1, 2006
  • Fabio Lugaro, Ondarock, January 27, 2006
  • Alfredo Rastelli, Sands Zine, January 5, 2006
  • Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 92, January 1, 2006
  • Juan Rodriguez, The Gazette, December 12, 2005
    … fascinating on headphones…

Kritik

Rigobert Dittmann, Bad Alchemy, no. 52, November 1, 2006

Daneben ist Some Love (&04, 2005) fast wieder richtiger Small Town-Rock, mit einem halbwegs straight trommelnden Alexander MacSween und der nicht ganz so straighten Gitarre von Bernard Falaise. Allerdings hatten die beiden offenbar einen schweren Telepodunfall mit Fabrizio Gilardinos Tapes & Electronics. Das Brundleflywesen, das sich Foodsoon nennt, mag dann zwar von vorne noch als etwas verbeulter und eingedellter Rock durchgehen, von der Seite und von hinten betrachtet scheint jedoch das Genom ähnlich schwer angefressen zu sein wie bei den anderen Fehlversuchen x-ray owls und porcospino. Was da frisst, sind Säurespritzer an Noise, die das Ganze zuerst in 18 nur noch von Fasern zusammen gehaltene Fragmente splitten und dann in jedem einzelnen dieser Splitter von nur 20 bis 40 Sekunden oder anderthalb bis 4-minütigen Brocken weiter ätzen. Die Schwermetallbeats und Sägezahnriffs geraten dabei aus der Spur, fräsen sich zwar unverdrossen immer wieder eine neue, aber die Scharten, Zahnlücken und Rostflecken lassen sich nicht einmal durch Keyboarddrones und Bassgestampfe kaschieren. Gnadenschuss (shoot me)? Oder so tun, als ob nichts geschehen wäre (it never happened)? Weiter südlich zeigen sich ähnliche NoiseRock-Hybriden (Hair Police, Psi, Talibam!, Wolf Eyes) durchaus überlebensfähig. Gilardinos Lärmschlieren sind allerdings von einer besonders aggressiven Sorte, mit dominanten Genen, deren Zerstärungswerk sich anhärt wie Myriaden winziger Kieferscheren, die sich zwitschernd und schleifend durch Metall fressen. Was vor dem Unfall nur mehr oder weniger tumbes Halbstarkengerumse gewesen war, ist, mutiert, ein Faszinosum.

Recensione

Giorgio Pace, Rocklab, September 21, 2006

Fabrizio Gilardino, Bernard Falaise e Alexander MacSween, rispettivamente alla manipolazione di nastri, chitarra basso e batteria. Il quinto lavoro per la & Records è fin’ora il più affascinante per svariati motivi, documentaristici e musicali: le varie schegge sonore presenti riportano alla memoria ogni tipo di esperimento sonoro, dai Throbbing Gristle, al lavoro di post produzione dei This Heat, dal rumorismo espressionista di Einstürzende Neubauten e i primi Klaxon Gueule, al post punk angolare degli Wire e dei Pere Ubu, al teatrino esistenziale dei Faust fino ai primi esperimenti di rumore degli Stooges, termine di paragone pù calzante per i Foodsoon: un intero disco a studiare le possibili combinazioni tra rumore e musica rock, un laboratorio dove sviluppare gli incastri possibili tra sample e sezione ritmica, un’industria al cui interno viene suonato Fun House. Quello che stupisce è effettivamente la capacità di sintesi e di messa a fuoco all’interno dell’album, capace di sbalzi prepotentemente punk (small town, blank ulrich, 10 x mary) come di slanci improvvisativi (east, further east than a walking distance) e momenti puramente noise: ovvero quando lo studio sulle sfaccettature del rumore si snoda attraverso la canzone. Alla fine lo ascolti perchè sembra l’ultima cosa genuina rock/noise rimasta sulla faccia della terra.

Alla fine lo ascolti perchè sembra l’ultima cosa genuina rock/noise rimasta sulla faccia della terra.

Review

Dolf Mulder, Vital, no. 539, August 16, 2006

Of course you often use the ‘&’ sign, but it’s less known that it means ‘Et’ from Mediaeval times, and means of course ‘and’. &Records is a label from Montréal, and in all five of the current releases you can find musicians from Montréal, and the broadest description would be to say that they all play improvised music, each in their own specific way. Not that every release is fresh, and let us once again state: Vital Weekly doesn’t like reviewing three years old releases, and good idiots as we are, we still do that. There is/will be a time, when we will ignore them.

The release by Bob is the oldest, from 2003. Bob is Éric Bernier (voice, computer, machines), Michel F Côté (computer, machines, rare back vocals), Guy Trifiro (computer, machines) who are helped by Jean Derome (baritone saxophone, bass flute, piccolo), Bernard Falaise (electric guitar), Normand Guilbeault (contrabass) and Alexandre St-Onge (electronics). Like we will see on some of the other releases, the voice plays an important role for Bob, but inside Bob it is the most clear example of voices that originally come from popmusic, or rather postpunk music. Also the music hints in that direction. Very ‘London’ like post punk music, with rhythms, bass, guitar and of course singing by various voices. But then, except the singing, all played on a bunch of modern day machines. It’s quite nice, well produced, certainly sounding outdated, but it’s a great release. Very pop with a great touch of experimentalism.

Martin Tétreault is of course a well-known turntablist, who not just spins records but also the turntable itself. From three solo concerts he made recordings and gave them to one Bernard Falaise, who in turn selected 33 short fragments between 5 and 40 seconds, 11 per concert. These were then used in the eleven, three minute pieces on Des Gestes Défaits. Conceptually alright, but I must say it also works out musically quite well. It’s a highly intelligent composition of turntable sounds, that is rhythmic, at times noisy and at times introspective. A powerful release of cracking analogue sounds colliding in a digital world called the computer.

Although the name Michel F Côté rings a familiar bell somewhere, I am not sure if I heard some of his music before. He is one of the two directors of the &Records label. 63 Apparitions was written for a choreography and Côté plays electronics, computer, percussion, piano and voice and gets help from Diane Labrosse (voice), Christof Migone and Martin Tétreault (both on objects) and uses music from John Cage (his ‘Érik Satie’ piece) and Érik Satie (the ballet Socrate). It’s hard to say what the choreography is about (if I would understand choreography at all, really), but the music is very nice: it sounds like a bunch of clockworks going down, hectic percussive sounds, banging on all sorts of small objects and speed up sounds of mechanical toy music. At times highly vibrant and jumpy, but here to the softer parts are equally nice.

Klaxon Gueule is a trio of Michel F Côté (percussion, electronics, voice), Bernard Falaise (guitars, piano), Alexandre St-Onge (bass, electronica, voice). The voices seem important but they hardly sound like real voices: they are heavily processed or may be the singers are highly possessed and make their own transformations in sound. The music is a combination of improvised music bumping up to the ideas of musique concrete. At times acoustical, at times electrical, and at times a bit boring. Not every second on this CD could interest me, and it stayed too much on the same level, with grabbing the listener very much. Occasionally also a bit too regular in terms of improvisation for me. Having said that, there are also quite captivating moments here, so I’m left with rather mixed feelings.

The latest release is by Foodsoon, a trio of Bernard Falaise (guitar, bass, keyboards), Alexander MacSween (drums, piano, keyboards, vocals) and Fabrizio Gilardino (prepared tapes, electronics, vocals). This is by far the most rocking release of the lot. Foodsoon is a rocking trio that use the method of heavy rock drumming, in combination with a love of improvising sounds on their guitars and keyboards. It makes Foodsoon standing in a long tradition, from anywhere from The Beatles to Sonic Youth to any current day post rock band, but they do a nice job, and one that is not entirely on the well-went paths of other groups. It seems that sometimes the sense of experiment prevails, but then it might as easily burst out into another furious banged rhythm. Perhaps at those times it’s a bit too rock for me, but throughout I thought this is most enjoyable disc.

Discos

S Chema, Pop-Page, August 15, 2006

Refugiados en el Hotel2Tango — base de operaciones de la familia GY!BE-, Foodsoon han grabado un disco de vanguardia extrema de un radicalismo nada habitual. El trío formado por Bernard Falaise (guitarra, bajo y teclados), Fabrizio Gilardino (electrónica, cintas preparadas y voz) y Alexander MacSween (batería, teclados, piano y voz) desatan en Somelove un caótico brainstorming sin principio ni final, sin puertas ni ventanas, entrada o salida. Cuarenta minutos de deconstrucción mal encarada e incómoda, divididos en dieciocho retales carentes de lógica o sentido, cortados a tijeretazos, arrugados y amontonados de cualquier manera, originando un incómodo collage vertiginosamente anárquico. Foodsoon mastican las enseñanzas de Faust, This Heat y los primeros Einstürzende Neubauten para luego escupirlas con agresividad y fiereza. Es imposible encontrar nada reconocible en este montón de chatarra: Guitarras maltrechas, martillazos de batería, cassettes analógicos que se retuercen entre crujidos, salpicones de cacharrería electrónica abollada… La sensación es la misma que al intentar sintonizar un dial en plena caída libre. Una experiencia confusa y estremecedora, pero insuperablemente excitante. Al lado de éstos, gente como Wolf Eyes, Black Dice o No-Neck Blues Band hacen pop. Hoy por hoy no encontrarán nada más arriesgado. Así que abróchense los cinturones.

Al lado de éstos, gente como Wolf Eyes, Black Dice o No-Neck Blues Band hacen pop. Hoy por hoy no encontrarán nada más arriesgado. Así que abróchense los cinturones.

Recensione

Emilio Cozzi, Rolling Stone Italia, no. 32, June 1, 2006

Cos’è? Sembra il sottofondo rumorista di un cortometraggio porno-romantico di Richard Kern. Sembra la rilettura musicale degli esperimenti cinematografici di Michael Snow (lascia un microfono in un’officina e registra tutto). Parrebbe pure che Trent Reznor, passato di lì, abbia detto la propria sull’avant-rock (do fall) o su come lui percepisca i Pink Floyd (small town). No, niente di tutto ciò. O, forse, molto di più. Ecco i Foodsoon, eclettico trio canadese dedito ora alla sperimentazione (roba che piacerebbe a Mike Patton o ai Bob, compagni di etichetta), ma con consapevolezza chirurgica. Ascoltate gli intrecci ritmic-armonici di questi 18 pezzi e converrete: cos’è? "Solo" ottima musica.

Recensione

Maurizio Blatto, News Spettacolo, May 31, 2006

Ok, questi son sicuro che non li conoscete. E tanto per facilitarvi la vita nel tentativo di spiegarvi che musica fanno, citerò come esempi gruppi poco noti. Sono un critico, mica un cane San Bernardo. Quindi sappiate che i Foodsoon sono un trio canadese che assomiglia, ma poco, ai Faust, ai This Heat e ai gruppi minori della Skin Graft. Chiaro? Poco, immagino. Allora vi avverto che l’intero album sfila come un brano unico ricco di dissonanze, nastri alla rinfusa (il “paesano” Fabrizio Gilardino butta voce, elettronica e nastri di mestiere), rumori e ritmiche improvvise. Lo so, sembra la descrizione di un uomo che paga una multa. Ma se siete curiosi, non conoscete paura e avete tolto MTV dalla sintonia della televisione, prego accomodarsi. Basso, tastiere e una batteria poco serial e molto killer movimentano brani come porcospino, 10 x mary, or bite. Quarantun minuti di ossessioni krauto psichedelico-avanguardiste: il paradiso dell’intellettuale.

Review

François Couture, AllMusic, April 24, 2006

Some Love was one of the biggest surprises to pop up on the Montréal avant-rock scene in 2005. For their debut album, Foodsoon seem to use Fly Pan Am’s avant-krautrock recipe as a springboard and leap further into controlled sonic chaos of the rock kind. Guitarist Bernard Falaise is a staple of the avant guitar in Quebec, but he usually works in less overtly beat-driven bands. His noise guitar licks and endless technical trickery are put to very good use here, but fans of Miriodor (his project enjoying the highest profile) are clearly in for quite a surprise. Once in Detention with Sam Shalabi, Alexander MacSween is heard here in his typical element: hard-hitting music contrasting simple grooves with freeform structures. Some Love introduces Fabrizio Gilardino on tapes and electronics. The name might sound familiar to fans of the Ambiances Magnétiques label, since the man has been designing their covers for ages, but his presence as a musician is something new — and definitely worthwhile. His (reel-to-reel?) tapes provide a captivating level of controlled mayhem, with bits of dialogues, concrete-like music and strange found sounds. His contribution and the tight sequencing of the album (18 short pieces sounding like they are all part of a single epic composition) encourage comparisons to the patchwork nature of Faust’s albums, while Falaise’s thundering guitar and MacSween’s hammered beats suggest similarities with French noise-rockers Étage 34. Well recorded, cleverly mixed, and powerfully composed, this album is all about gutsy, unapologetic noise rock balancing attitude and intelligence. It came out on Gilardino and Michel F Côté’s small label &records, which makes it hard to find, but well worth the effort.

Well recorded, cleverly mixed, and powerfully composed…

Review

Kevin Hainey, Exclaim!, April 4, 2006

Foodsoon are an adventurously imaginative trio from Montréal who mix all kinds of leftfield influences (agro post-punk, electro-acoustic buzz, Krautrock rhythmic propellants, and even the occasional well-placed break beat) into an unpredictable, shape-shifting musical entity that is excitingly unique and original. For possible context, you could place Foodsoon alongside such modern Montréal sound explorers as morceaux_de_machines, Et Sans and Klaxon Gueule (who share guitarist Bernard Falaise), but really this stuff challenges and attempts to defy categorisation quite effectively. Most of the 18 tracks on Some Love, Foodsoon’s debut for the recently created Montréal indie label &records, jam-pack their ideas into audio slices mostly clocking in under the four-minute mark, which makes for a fast-paced (but not rushed) ride. strike four, for instance, begins as a seemingly random meeting between disjointed electro-acoustic bleeps and squealing radio-wave frequencies before a distant drum sample slowly lies in behind it. The song soon erupts into a post-punk rhythmic fury that travels headlong into the crushing sub-prog groove of nu. Some Love introduces Foodsoon as determined innovators, a trio hell-bent on crushing ideas of musical norms and standardised forms. The results they come up with are nothing short of stunning.

The results they come up with are nothing short of stunning.

Recensione

Vittore Baroni, Rumore, no. 170, March 1, 2006

L’area di Montréal è da tempo teatro di un’effervescente scena sperimentale, grazie a etichette nate sull’esempio della veterana Ambiances Magnétiques e a gruppi oggi noti anche oltre confine come Godspeed You! Black Emperor o Klaxon Gueule. Da questi ultimi proviene il chitarrista (e molto più) Bernard Falaise, che su istigazione di Fabrizio Gilardino (voce e elettronica), italiano da tempo trapiantato in Canada, ha dato vita al side project Foodsoon, che si avvale anche del batterista Alexander MacSween, vera macchina propulsiva e tornado di trovate ritmiche.

A contraddire l’evanescenza di tanta esangue post/elettronica, in 41’ di infiammate e travolgenti invenzioni il trio punta ad un avant-rock immediato e ad alto volume, che recupera la fisicità strumentale e il gusto dell’assalto tribal-improvvisativo del primo industrial (Einstürzende Neubauten, Swans), ma anche l’ardita ridefinizione di formati e confini dell’universo rock di campioni del krautrock come Faust e Can o fuoriclasse new wave quali i This Heat, il tutto “impaginato” in un sound design contemporaneo segnato dal lavoro ai nastri di Gilardino.

Affascina anche l’uso singolare e purtroppo limitato delle voci, tra gutturalismi e versi sghembi all’unisono. Un debutto coi fiocchi, insomma, che sarebbe un crimine non dotare al più presto di un seguito. (4/5)

Recensione

Danilo Corgnati, Liverock, February 26, 2006

Disco prepotentemente rock quanto sperimentale, Some Love gira tutto attorno agli incastri tra rumore e ritmo e le possibili variazioni intorno a questo tema. Batteria, chitarra ed elettronica sotto forma di nastri manipolati, si fondono in un amalgama capace di portare alla mente mille nomi come nessuno, dai Faust al Pop Group, dai The Ex più crudi ai This Heat. Ma alla fine ad emergere è comunque la tendenza del trio canadese a fagocitare le numerose influenze per rimasticarle e risputarle fuori secondo la propria originale sensibilità. Così se l’iniziale givre rimanda a una versione più estrema dei Sand e small town, unico pezzo cantato, può essere indicato come il pezzo pop dell’album, strike four suona come qualcosa di non ben definibile, tra elettronica radicale, math rock, Sonic Youth e Pop Group, tutto nello stesso istante e condensato in poco più di due minuti. Non mancano divagazioni industrial, certi passaggi rimandano direttamente alla lezione ritmica di Scorn, e krautrock, come in x-ray owls. A farla da padrone sono comunque ritmo e rumore in tutte le loro forme. Se ne consiglia l’ascolto a volume sostenuto.

Compact!

François Nadon, Ici Montréal, no. 9:21, February 16, 2006

&records vient d’enfanter un monstre. Some Love du groupe Foodsoon se révèle être un album bruyant, sale et corrosif pour notre plus grand plaisir. Le trio est composé de Bernard Falaise (guitare, basse et claviers), d’Alexander MacSween (percussions, claviers et voix) ainsi que de Fabrizio Gilardino (bandes, électroniques et voix). Les cuistots de Foodsoon nous ont préparé un mélange acidulé et en grande partie instrumental. Oubliez les maux d’estomac, le tout se digère si bien qu’on en redemanderait une autre portion. Malgré le talent indéniable des instrumentistes, il n’y a pas de solos tonitruants. Nous avons droit à un véritable effort d’équipe afin de nous cuisiner un album énergique sans temps morts. (9/10)

… le tout se digère si bien qu’on en redemanderait une autre portion.

Recensione

Michele Coralli, Altremusiche, February 1, 2006

Una batteria che attacca secca e scandita alla maniera che ci aveva fatto apprezzare, dopo le impensabili scomposizioni prog/zappiane di anni addietro, un batterista impulsivo e materico come Charles Hayward. Attorno scorie e saturazioni di circuiti messi in corto e una chitarra che si mimetizza all’interno del disturbo sonoro. A tratti un basso riporta tutti all’ordine per guidare una danza funky allucinata, appoggiata sopra qualche slogan comiziale. Sembrano tanti, in realtà dietro al progetto Foodsoon sono solo tre: il già noto Bernard Falaise (chitarre, basso e tastiere), un vero e proprio jolly della musica out canadese (tanto per dirne alcuni Miriodor e Klaxon Gueule), Alexander MacSween (batteria, tastiere e voce) e Fabrizio Gilardino (nastri preparati, elettronica e voce). Di quest’ultimo qualcuno ricorderà le sue corrispondenze eterodosse dal Canada per conto della rivista “musiche”.

L’idea di fondo che muove l’estetica Foodsoon è quello di integrare certe spigolosità elettroniche molto devote alla distorsione e alla ruvidità, con la quadratura di ritmiche post-punk, che fanno assumere al lavoro una fisicità che invece gruppi come i cugini Klaxon Gueule nelle loro ultime produzioni mettono decisamente da parte. Il vantaggio è che si può vivere una musica come questa, stratificata e ricca di sfumature sonore, subito, nell’immediato, senza mediazioni, anche ballandola, lo svantaggio è che, come tutte le cose troppo quadrate si corre il rischio di consumarle in fretta.

Recensione

Martino Lorusso, SentireAscoltare, February 1, 2006

Ancora Canada, ancora Montréal, scenario di una delle espressioni musicali più vive e frenetiche dell’ultimo decennio, la città che meglio incarna oggi l’idea di avant-rock. Un termine fino a pochi anni fa associato preferibilmente a quella Chicago di Grubbs, O’Rourke, McEntire e tanti altri, che hanno rivoluzionato il modo di intendere la musica per chitarra-basso-batteria, spingendola verso derive free jazz e ambient, sporcandola di elettronica cheap per poi lustrarla con lo smalto del dub, destrutturandola e reiterandola all’uso minimalista.

E le analogie con la scena sotterranea della città ventosa sono tante e importanti, a partire dallo stretto legame di amicizia che unisce gran parte dei musicisti locali, molti dei quali di origini cosmopolite. Proprio come Fabrizio Gilardino, manipolatore di suoni, grafico, organizzatore di eventi artistici e responsabile, insieme a Michel F Côté della &records, una delle numerose etichette fucine di talenti cittadine, tra cui figurano la storica genitrice Ambiances Magnétiques, a dar voce alle musiche “altre” canadesi (e non), come pure la Constellation e la Alien8, più legate a sonorità di matrice rock. Insieme a Bernard Falaise, già chitarra del trio elettro-acustico rumorista Klaxon Gueule, e Alexander MacSween (ai tamburi, alle tastiere), l’italiano costituisce i Foodsoon, un nome di cui certa stampa si è subito accorta e di cui già inizia a tessere elogi sperticati. Forse perché la band di Montréal mostra una personalità non comune di questi tempi, e ha un suono allo stesso tempo paradigmatico di un universo sonoro finora celato all’ascoltatore non uso a frequentare gli sdrucciolevoli sentieri che depistano il rock verso altri luoghi e modi del sentire.

Primo parto della &records a nome Foodsoon, Some Love è uno dei dischi più interessanti pubblicati sul finire dell’anno appena trascorso ma la risonanza che sta riscuotendo di questi tempi e soprattutto la freschezza della musica in esso contenuta ci induce a tirarlo fuori dall’archivio “2005” per concedergli lo spazio che merita.

L’inquadratura si focalizza ancora una volta sul concetto di “rumore” e sulla sua integrazione in strutture organizzate, ispirandosi liberamente a un album fotografico che contiene istantanee di This Heat (a tutta pagina, quelli del primo omonimo album), Brise-Glace e Faust, tra le altre. Dalla camera oscura viene fuori una sequenza di diciotto scatti che condensano lunghe jam semi-improvvisate in un certosino lavoro di assemblaggio e sparute sovraincisioni. Vi è ritratta una band in pieno fulgore creativo, animata da una forza primigenia e deflagrante, che rifugge quasi del tutto il gioco dei pieni e dei vuoti - che ha fatto la fortuna di tanto avant-rock - in favore di una musica saturata e strabordante, in cui l’elettronica riempie ogni spazio lasciato libero dal drumming netto e ipertrofico di MacSween. Curioso notare poi come al posto del laptop d’ordinanza, Gilardino sfoderi un rudimentale tape deck a 4 piste, con campioni di rumori trovati (o degli stessi strumenti) incisi su semplici nastri, a rimarcare una vicinanza con la band di Charles Hayward, a tratti anche metodologica.

Propulsa da un motore funk su una sferragliante e scalcinata carrozzeria industrial di chitarre/tastiere sfigurate ed electronics, Some Love fende il gelo di una (lost) highway canadese a velocità supersonica, tra accumuli/rilasci di elettricità statica (small town, givre), visioni improvvise/laceranti di deserti interiori (sam, or bite) e algidi vuoti cosmici (lo space-rock x-ray owls); corse anfetaminiche con l’acceleratore a tavoletta (10 x mary) e ripartenze con sgasata (il punk di strike four). Se la voce è relegata a sporadiche comparsate, d’altra parte la materia sonora che avviluppa la batteria è stropicciata e impastata, al punto che è impossibile distinguerne la provenienza, come negli assalti sonici senza compromessi di nu, Porcospino e no six. Altre volte nel caos si fanno largo ipotesi di danze da civiltà post-atomica allo sbando - in stile Mad Max - come nella splendida do fall o in blank ulrich, anticipazione del sinistro finale psichedelico di una it never happened che - sin dal titolo - ci svela la natura onirica del nostro viaggio. E mai come questa volta, credetemi, vien voglia di reinserire la chiavetta nel quadro e ripremere il piede sull’acceleratore… 8/10

Recensione

Guido Amari, Rocksound, no. 93, February 1, 2006

Un paio di mesi di session di registrazione e un intenso lavoro di “taglia e cuci” hanno prodotto il lavoro d’esordio dei canadesi Foodsoon, terzetto che vede all’opera il batterista Alexander MacSween, il chitarrista dei Klaxon Gueule Bernard Falaise e il rumorista Fabrizio Gilardino, proprietario anche della label indipendente che si occupa di stampare Some Love. In totale fanno diciotto schegge che variano dai venti secondi di Non suitable ai quattro minuti dell’opener Givre, e che fanno convivere con successo l’amore per l’avanguardia, il noise, la sperimentazione, la musica industriale dei primi Throbbing Gristle, la ritmica ossessiva dei Melvins, le esperienze precedenti dei musicisti coinvolti, il tutto senza soluzione di continuità. Il vero miracolo di Some Love sta nell’equilibrio con cui le molteplici influenze si intersecano, creando un magma sonoro a tratti rabbioso e violento (blank ulrich, 10 x mary, strike four), in altri quasi pop o tradizionalmente rock (i cori di small town, do fall). Un disco giocosamente diverso. (7/10)

Recensione

Fabio Lugaro, Ondarock, January 27, 2006

A Montréal c’è una piccola Downtown.

L’ultima scossa che da là arriva alle nostre orecchie è un incontenibile concentrato di ritmi serrati e urgenti, nastri su di giri, chitarroni grattugiati e miniature elettroniche.

Ma andiamo con ordine. Nella città del Canada francofono esiste una scena artistica che annovera un’ampia serie di artisti operanti in ambiti diversi: musica, arti visive, danza e teatro. I confini sono tuttavia molto labili e le contaminazioni frequenti. Capita che un ballerino e un attore teatrale siedano dietro un computer e prestino la voce a un disco di avant-pop elettronico-disturbato come Unstable Friends dei Bob, prima release, nel 2003, della locale etichetta &records. Sempre da Montréal muovono poi i propri passi i Klaxon Gueule, rinomato e cerebrale trio improvvisativo/elettronico/alchimista.

E’ in questo panorama cittadino dal forte humus creativo che prende forma la creatura Foodsoon, all’esordio con questo album. Anche questa volta si tratta di un trio avant-rock, e i punti di contatto con i Klaxon Gueule non terminano qui. In entrambe le formazioni ritroviamo infatti Bernard Falaise, chitarrista eclettico le cui attività spaziano dalla sperimentazione al rock, dal cantautorato al jazz, dalla composizione di colonne sonore televisive e teatrali alla produzione. Nei Foodsoon, Falaise è responsabile di chitarra, basso e tastiere.

A completare la line-up, Alexander MacSween (batteria, tastiere, piano e voce) e Fabrizio Gilardino (nastri preparati, elettronica, voce). Anche MacSween compone abitualmente musiche per compagnie teatrali e di danza, mentre Gilardino, italiano che vive a Montréal, è manager dell’etichetta, artista visuale e grafico. Sua la copertina di Some Love, così come quelle di diverse altre uscite, tra cui album di Fred Frith, Eugene Chadbourne, Diane Labrosse, Klaxon Gueule, Phil Minton e Veryan Weston.

Il progetto Foodsoon nasce con l’intento di esplorare diverse possibilità in ambito rock; specificatamente quelle riguardanti l’elettricità, il volume (le performance live del gruppo, ci giunge notizia, registrano livelli di volume notevoli), la densità del flusso sonoro e i rapporti tra improvvisazione e composizione.

Il disco si apre interlocutoriamente: cinquanta secondi di riverberi in cui viene solo introdotto il loop di una voce femminile preregistrata. Pochi istanti dopo è l’irrompere della furia marziale della batteria a chiarire, già da givre, primo e più lungo pezzo tra quelli del lotto (è l’unico a superare i quattro minuti), le intenzioni dei tre.

Veloci e nitroglicerinici frammenti che compongono un disegno comune. Un robusto punk-noise arricchito da ribollenti parti elettroniche e da chitarre triturate, rimasticate e vomitate alla Ex (quante vorremmo sentirne!). Spaventose ritmiche a perdifiato, intelligentemente fatte emergere solo a tratti a volume esagerato, sovrastando il resto, e spesso invece sotterrate nell’inconscio della composizione/improvvisazione. Nervosismi in nome dei migliori Fall, innesti industrial, sampling vivace, evoluzioni e colpi di coda per nastri e batteria alla This Heat. Su tutto, un bilanciato pragmatismo rock a equilibrare, che scongiura i rischi di osticità. Una fun house del suono rock di ricerca, insomma.

Tra declamazioni epilettiche (small town), incessanti sfregamenti - chissà che non si tratti di carta vetrata - sulle corde della chitarra (no six), elettronica sfasata e loop scriteriati (shoot me, che potrebbe anche essere uno sperduto inedito degli australiani Gum), ottimo esempio del sound del trio è la potentissima strike four. Apertura per perverse scorie elettriche che preparano l’irruzione della batteria. Quindi, sotto la violenta propulsione ritmica, blocchi di suono vengono poi scaraventati ovunque, come in seguito a un’esplosione. Frattaglie acide dal sapore post-industriale, bleep, come una molla elettronica che si estende e si contrae impetuosamente. Uno stop solo apparente per ripartire seguendo lo stesso violentissimo schema. Tutto srotolato in meno di due minuti e mezzo, con invidiabile capacità di sintesi.

Il titolo scelto per la cupa e scostante conclusione dell’album, it never happened, suona accidentalmente come risposta negativa all’interrogativo della Miss Fortune faustiana (finalmente nominiamo un altro inevitabile rimando storico del trio canadese). Eppure, arrivati alla fine di some love, possiamo dirlo: qualcosa di considerevole è realmente accaduto. 7,5/10

Recensione

Alfredo Rastelli, Sands Zine, January 5, 2006

Per la quinta uscita della canadese &records, scende in campo il boss dell’etichetta, Fabrizio Gilardino (il quale, ricordiamo, gestisce la label insieme a Michel F Côté), coadiuvato da Bernard Falaise (Klaxon Gueule e quant’altro) e Alexander MacSween (batterista con già varie collaborazioni importanti alle spalle). I Foodsoon esordiscono con sonorità di marca elettro-elettronica che ci riportano direttamente alle atmosfere malsane del disco dei Bob, band che due anni fa inaugurava il catalogo dell’etichetta. A differenza di quel disco però, in Some Love lo spirito cantautorale è deficitario a vantaggio di una più ampia libertà di schemi. Le prime due tracce di apertura givre e small town, sono solidissime marce robotiche tra l’industrial e il funk, con un richiamo alle produzioni più d’assalto dei Maffia, non dissimile dalla proposta del trio francese dei Kilo Of Black Bondage che abbiamo recentemente ammirato e con cui i Foodsoon hanno più di un punto in comune. Gli innesti di elettronics, tastiere e nastri, accanto alla triade chitarra-basso-batteria, permette una ricchezza di soluzioni che rendono tracce come do fall, porcospino e it never happened una continua sorpresa. Non mancano slanci punk (strike four) e rock (10 x mary), così come momenti di sperimentazione avanguardista. I Foodsoon sono un trio fortemente creativo che lega abilmente la solidità del rock con trovate elettroniche spesso esaltanti, alternando impatto sonoro a momenti più cerebrali. Veramente un ottimo disco.

Disco del mese

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 92, January 1, 2006

Immaginate un filo rosso che parta dai Faust, passi per i This Heat, i Wire, gli Einstürzende Neubauten, i Brise-Glace e i You Fantastic! per arrivare infine ai Klaxon Gueule - l’approdo al terzetto di Bernard Falaise, Michel F Côté e Alex St.-Onge è peraltro facilmente spiegabile, dacché la chitarra dei Foodsoon è proprio quella di Falaise. State già pensando quello che penso anch’io: potrebbe essere un capolavoro. Potrebbe essere il disco che stavamo aspettando da mesi e magari anche qualche anno. Potrebbe: è. I Foodsoon si completano, accanto a Falaise (anche al basso e alle tastiere), con Fabrizio Gilardino (nastri preparati, elettronica e voce) e Alexander MacSween (batteria, piano, tastiere e voce) e sono all’esordio. Somelove è strutturato come una lunga suite senza soluzioni di continuità; i pezzi, pur mantenendo una personalità distintiva, sono legati tra loro nella giustapposizione di momenti di attacco out-rock e (poche) sfaldature improvvisativo-sperimentali. La batteria suona secca, potentissima, metronomica; la chitarra è metallica, aspra, pungente come un vento freddo che pare una mutazione tra Bruce Gilbert e Steve Albini; le parti di elettronica e di tastiere non badano a spese, circuiscono e si fanno perifrasi, stordiscono noisy sfregiando il volume come una mano che accartoccia una manciata di vetri; le voci, usate purtroppo con parsimonia, sono i filtri meccanizzati di una tensione che vuol esplodere. Nulla è intentato, nulla è superfluo. Tutto è funzionale alla resa di una musica che dispone un’idea di avant-rock come non la si sentiva da tempo, netta e limpida, a modo suo feroce perché inneggia a rituali altrove sviliti da pastette senza nerbo: attacchi fulminanti, grattugiati e sibilanti come Givre, 10 x Mary, N° Six e Porcospino (formidabile!) non accade di sentirli tutti i giorni, la filastrocca robotica Small Town è uno spasmo e già uno spastico inno, la ‘danza moderna’ di Do Fall e Blank Ulrich macina tensioni di tastiere e chitarre che si fanno epica d’un disastro, Strike Four prende i primi Einstürzende per i capelli e li strapazza, l’anfetaminica Nu è una danza tribale a piedi nudi su una discarica di sostanze tossiche poi ammortizzate nell’ovatta minimal-technoide di X-Ray Owls. Dall’altro lato i pezzi più tesi e sospesi: il balbettio autistico di Sam, le galleggianti melodie industriali (nessun ossimoro) di Shoot Me e It Never Happened, le camere d’eco improv di East, Further East Than A Walking Distance, i grugniti allarmanti di Or Bite. Musica finalmente ‘da acquistare’, feticcio da possedere, manufatto inatteso e fantastico, Somelove è l’ultimo grande album del 2005. Ma io me lo tengo stretto per le classifichine del 2006: c’è giusto un posto appena lasciato libero in testa alla playlist.

Review

Juan Rodriguez, The Gazette, December 12, 2005

The trio of guitarist Bernard Falaise, drummer Alexander MacSween and electronics tweaker Fabrizio Gilardino present 18 infernal soundscapes recorded earlier this year at Hotel2tango. They blend heavy-rock rhythms with everything but the kitchen sink, wading through territory where Radiohead and their ilk fear to tread. Not easy listening, but fascinating on headphones: yes, the Earth does move. (4/5)

… fascinating on headphones…

Blog

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.