Blogue

1 mars 2008
Par Vincenzo Giorgio in Wonderous Stories #12:35 (Italie), 1 mars 2008

Texte

«Una voce evanescente e calda. Sontuosi panneggi bassistici. Jazz crepuscolare. Insomma, quando ascoltai per la prima volta Pierre Cartier fu la classica Rivelazione…»

Una voce evanescente e calda. Sontuosi panneggi bassistici. Jazz crepuscolare. Insomma, quando ascoltai per la prima volta Pierre Cartier fu la classica Rivelazione e, da qui, l’imperativo (kantianamente) categorico di ascoltare il più possibile del musicista/cantante/bassista del Canada francofono e membro degli ottimi Dangereux Zhoms di Jean Derome.

Già perché Pierre Cartier Chansons de la belle espérance — Ambiances Magnétiques 2006 63:43 è davvero un disco affascinante grazie a quell’impasto ostinatamente melodico che Pierre riesce ad estrarre da sei testi poetici, uno dei quali firmato niente di meno che da Guillaume Apollinaire. Fin dall’iniziale Dédicace de la belle espérance si può godere della capacità di Pierre di saper declinare la forma canzone in contesto avant-jazz: undici minuti di poesia purissima dove il sax di Jean Derome disegna ampie parabole assecondato dal delicato interplay tra il trombone di Tom Walsh e la viola di Jean René. Un’atmosfera che può essere facilmente rintracciata anche nelle tracce successive: dalla quiete di Plus belle que les larmes guidata dalle percussioni arabescate di Pierre Tanguay e dagli arpeggi armonici della chitarra di Bernard Falaise fino all’ammiccante deja-vu di Il nous aurait fallu (unico brano in cui Cartier scrive anche il testo). E così La chanson de Marie dalle arcane cadenze di danza etnica, l’incontaminata fragranza di Portrait, la sinuosa Figure d’éternité e, per finire, l’intricato tessuto armonico di Mirabeau.

Risalendo il Fiume del Tempo mi sono poi imbattuto nel più ambizioso Pierre Cartier «Dis, Blaise…» chanson du Transsibérien cd1 49:38, cd2 37:54 AM 2002 dove il musicista di Montréal si confronta con La Prose du transsibérien et de la petite Jehanne de France, poema composto da Blaise Cendrars nel 1913. L’opera presenta tutti gli elementi della poetica cartierana anche se l’elemento jazz appare più in sottofondo a favore di un’opzione oscillante tra il lied e la musica da camera di stampo tonale/novecentesco. Il risultato è, comunque, ragguardevole con le uniche riserve di una certa prolissità e qualche forzatura nella resa melodica dei testi di Cendrars. Di grande impatto il prologo En ce temps-là con quella sua repentina mutazione da sofferto lied a jazz elettrico di vago sapore post-davisiano così come le timbriche sospese di Si j’étais peintre.

Continuando ad assecondare le sue “ansie letterarie”, esattamente un decennio fa, il bassista canadese pubblica Pierre Cartier Chansons de Douve cd1 55:48 cd2 43:10 AM 1998 su testi di Yves Bonnefoy. Per il sottoscritto è stata una piacevole sorpresa scoprire inaspettate contiguità zehuliane nell’inaugurale Je te voyais, quasi quindici minuti di inquietanti cromatismi para-magmatici giocati su di una sincopata sezione ritmica dove l’impasto vocale di Angèle Trudeau e Noëlla Huet (rispettivamente soprano e mezzo-soprano) e le cadenze da big band impresse dai fiati di Jean Denis Levasseur, Ivanhoe Jolicœur, Jean Derome, Sylvain Jacob e Tom Walsh trovano una base sicura. Ma il resto dell’opera non è da meno puntando su di una musicalità rarefatta ed essenziale (Présence exacte, Vrai corps, Mais que se taise) non scevra da certi riferimenti minimalisti (Le seul témoin 1) e pre-barocchi (Vrai corps, Douve parle (passacaille)).

L’ultima speranza è che ci sia un tempo per poter ascoltare le sue tre opere più lontane nel tempo: Les fleurs du tapis (1996), Chanson du fil (1989) e Dirigeable (1987).

blogue@press-3533 press@3533