La boutique des nouvelles musiques

Altrisuoni

Dionisio Capuano, Blow Up, no 104, 1 janvier 2007

Il curriculum di Brady è nutrito e degno d’interesse. E forse in un contesto storico-biografico acquista senso Go, album compilativo, raccolta di exempla delle tecniche per chitarra e di approcci stilistico-tecnologici. L’unità poetica se ne va a gambe all’aria e il tutto appare adatto ad un corso di musicologia più che ad una fruizione appagante. Brady, certo, è un chitarrista extra-colto completo e fantasioso, senza preclusioni di genere (ora jazz, ora rock, ora heavy, ora minimal), peraltro propenso ad architetture sonore ben strutturate più che ad impeti impro. Ma, siano i simil contrappunti per strumento e loops o tracce preregistrate (Go, un tema confidenziale), siano le operazioni di decostruzione che portano il timbro dello strumento dal metal al blues (Yellow, Add Green), sia il duetto stocastico con il programma MAX/MSP che modifica in tempo reale gli input percussivi della cassa di una chitarra (Unplugged), si resta, nello spazio-tempo di questo cd, ad un livello di eccellenza interpretativa che purtroppo non vince la stucchevolezza didascalica. Può interessare parecchio ma emoziona assai poco.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.