La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no 20, 1 novembre 2002

Questo è una di quei dischi che obbliga l’ascoltatore a fermarsi: troppo caleidoscopico, barocco (nel senso migliore del termine) ed “onnivoro” il suono di questa band canadese dal nome (e relativo titolo) vagamente dadaista. Due violini, chitarra, percussioni e basso, parti cantate in francese, quattro ospiti ai fiati, percussioni ed arpa per quattordici tracce una più bella dell’altra.

Mai un passaggio scontato ma una miscela sapiente e folle delle più svariate “interferenze” senza mai cadere in miscellanee raffazzonate o rozze addizioni sonore . Il suono scorre spumeggiante e spontaneo come giovane sorgente, nervosi riff violinistici vengono domati da calde armonie chitarristiche dai sapori vagamente jazzati. Giocose melodie vengono sospinte da bizzosi venti percussivi fino a sciogliersi in drammatiche atmosfere cameristiche.

In effetti ciò che più sorprende di questo incredibile quintetto (che mi dicono essere alla seconda prova discografica) è la capacità di passare da una situazione sonora all’altra senza sbavature o forzature di sorta: (facendo ovviamente i debiti distinguo) è dai tempi del più glorioso e creativo Zappa che non avvertivo quel senso di folle eclettismo invadere con violento e dolcissimo impeto le mie (stupite) orecchie.

Per tentare l’improbabile (vale a dire rendere l’idea di come questa musica suoni) Interferences Sardines rimandano vagamente alla primissima Penguin Cafè Orchestra (quella più “maleducata” del primo album tanto per intenderci) selvaggiamente intrisa di sonorità RIO e di improvvise aperture armoniche jazzate (certi vocalizzi all’unisono con le parti strumentali sono da brividi), gargarismi etnci (klezmer?) si fondono con musicalità più classicheggainti vicine a certe cose di Satie.

Personalmente non esito a definirlo il disco dell’anno tanta è la sua genialità e la sua limpida bellezza. Da avere assolutamente.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.