La boutique des nouvelles musiques

Altrisuoni

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no 100, 1 septembre 2006

Tra gli strumenti più votati (e personalmente preferiti) per l’improvvisazione solista perché portatore di un suono molto caldo, espressivo e malleabile, il contrabbasso è il protagonista assoluto di questi due album dall’ispirazione e dai risultati molto diversi. […] Il differente approccio dei due strumentisti si può intuire anche dalla lunghezza media dei pezzi: venti minuti Linson, due e mezzo Martel, che non utilizza mezzi elettronici ma come unica “distrazione” prepara lo strumento con carte e pezzi di metallo e legno. Il suo suono è quindi più “proprio”, caldo e sommesso, se vogliamo più “jazz”, inteso però in un’accezione che di classico ha veramente poco. Anche in questo caso la capacità di Martel (canadese del Québec) è memorabile; i suoi assolo dalle tinte tribaloidi e dagli umori primitivisti, molto puliti e diradati e fortemente poggiati sulla magia di corde stirate e violate, si colorano in maniera sempre diversa e imprevedibile pur restando fedeli all’assunto programmatico di una felpata, interrogativa circospezione. (8) a entrambi, con leggera preferenza per il secondo.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.