La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Enrico Bettinello, All About Jazz Italy, 1 décembre 2005

Sono ormai parecchi anni che il Normand Guilbeault Ensemble lavora sul repertorio di Charles Mingus: come a ogni gruppo che si accosti alla musica - e ai meccanismi musicali - del grande compositore, all’immenso piacere che accompagna il suonare quelle pagine si affianca la non facile responsabilità di come farlo.

Chiariamoci, non si tratta tanto di una questione di "rispetto" nei confronti dell’originale [che il materiale musicale del ’900 possa diventare "repertorio" per il solo fatto di esistere e di essere stato registrato è un fatto su cui non vale nemmeno la pena di soffermarsi più], ma di un problema personale, di come fare che meccanismi espressivi così intensi e evoluti entrino a fare parte del proprio lessico, di come la propria arte si relazioni con quella somma di Mingus [e altri].

Spesso, quando ci sono tributi o riletture del repertorio di grandi jazzisti del ’900 [pensiamo a Monk o a Ellington], il punto non è tanto quello di "suonarli male" o "rovinarli", quanto quello di immettere nel proprio percorso musicale degli elementi di cui talvolta non si è risolto il rapporto o non si è in grado di esplicitarlo.

Non è questo il caso di Guilbeault e soci, che assommano alle capacità espressive personali un rapporto sempre vivo con la materia: risale al 1996 il disco Hommage à Mingus per la Justin Time e arriva ora questo ottimo Mingus Erectus per la Ambiances Magnétiques, lavoro in cui la band lavora su composizioni di medio/ampio respiro.

Si apre con "Pythecantropus Erectus", che vive su una bella tensione tra l’afflato collettivo e la linea analitica degli assoli, così come All the Things…, bruciante e capace di mettere in luce la grande versatilità del sassofono di Jean Derome.

Oltre a Derome, anche gli altri componenti della band sono tutti ottimamente in sintonia, il trombettista Ivanhoe Jolicoeur, il clarinettista Mathieu Bélanger, il batterista Claude Lavergne ovviamente il leader al contrabbasso, Normand Guilbeault.

Jazz suonato bene e pensato bene prima di essere suonato: solo cosî il quintetto può immergersi totalmente nelle atmosfere mingusiane [anche quelle meno frequentate e in fondo personali di Conversation o Tijuana Gift Shop], donando loro un suono denso e caldo, ma trasparente, pronto a fare risaltare i singoli contributi.

Oltre a un aggiornamento della celebre Fables of Faubus alle tristi avventure odierne di George Dubya [oggetto delle critiche vocali del testo], il gruppo srotola una bella composizione di Derome, intitolata MDMD come omaggio mai banale all’ispirazione di riferimento. Gran finale con Moanin’. Mingus avrebbe apprezzato!

Mingus avrebbe apprezzato!

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.