La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Nicola Catalano, Rumore, 1 mars 2005

Se la memoria non ci inganna Atlas Epileptic dovrebbe essere l’ottavo album in carriera per il performer interdisciplinare Pierre-André Arcand. Dunque un veterano che opera tra design (elettro)acustico, sound-art e poesia sonora, una impervia zona di frontiera della quale questo doppio album (CD audio + CD video) rende opportuna testimonianza. Macinando loop su loop, frammento su frammento, minuzia su minuzia attraverso uno splendido marchingegno autocostruito (la Macchina Ricordi, compatto assemblaggio generativo tre-in-uno di software, campionatore e mixer in grado di processare al tempo stesso suoni ed immagini), l’autore canadese costruisce un edificio babelico e dai toni rugginosi, sovrapposizioni, sfalsamenti, lenti decadimenti della materia fonica.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.