La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Roberto Municchi, Blow Up, no 23, 1 avril 2000

Secondo album per i Klaxon Gueule, trio radicale formato dal batterista Michel F Côté, uno dei promotori del collettivo che anima l’Ambiances Magnétiques e leader dei Bruire, dal bassista Alexandre St-Onge e dal chitarrista Bernard Falaise, dopo il doppio Bavards, 95 nervosi minuti d’improvisazione. Il flyer che accompagna il CD parla di una musica sobria e di quello che era un power trio trasformato in ensemble elettro-acustico da camera. L’idea è sfiziosa e e leggermente fuorviante. Il disco è una bomba sempre sul punto di esplodere: 12 pezzi che vivono di contrasti, mai eccessivamente forti ma sempre nell’aria, di suoni e di colori, di contrapposizioni silenzio-rumore. Distillazione di singoli suoni, isolati, spogliati e riprosoti con un uso massiccio di effetti. Musica dai forti picchi e dai riflessi morbosi e angoscianti, spesso inafferrabile. Batteria e basso che escono dal solito compito di propulsori ritmici e linee chitarristiche appena accennate, a tratti anche inesistenti. Emblematica fusione di minimalismo, improvisazione, detriti rumorosi, veementi rasoiate e rarefazioni ambientali - nonché presupposto di scenari futuribili. Un disco che reclama ascolti reiterati per confidare i propri segreti, per permetterci di apprezarne i lati più nascoti, per rivelare appieno il suo sapore. È musica atroce e squisita come un’incessante, lenta marcia verso il nulia. (8)

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.