La boutique des nouvelles musiques

Artistes Michele Coralli

Michele Coralli

  • Journaliste

Articles écrits

Recensione

Michele Coralli, Altremusiche, 18 mai 2012

Musica sghemba per un trio dinocolato basso/chitarra/batteria, che per un’abbondante mezz’ora divaga senza possibili direzioni all’interno di un mondo sonoro abbastanza chiuso e claustrofobico. I tre negano dinamiche, fraseggi, strutture e disegni ritmico-melodici. C’è un continuo ripiegarsi su se stessi attorno a pseudo-pattern apparentemente casuali, che prendono il volo come un uccello chiuso in una stanza, le cui traiettorie rimbalzano da un punto all’altro senza conclusione. La chitarra di Sam Shalabi, sorda e monocromatica, è forse la maggior responsabile di questo “impaccio” linguistico. Da parte sua anche il basso di Alexandre St-Onge, cupo e azzerato nella determinazione di altezze facilmente identificabili, dà il suo contributo all’ottusità del panorama. Forse è proprio Michel F Côté a dare profondità di campo attraverso un drumming sempre molto ricercato, a-virtuosistico e per questo decisamente puntuale e azzeccato.

Jane and the Magic Bananas è una buona metafora sonora della realtà di oggi, chiusa in se stessa da competenze così straordinarie, da risultare inutili. Certamente competenze che non vengono messe in campo, ma nemmeno evocate. Il groviglio di suoni che conduce direttamente a uno sgabuzzino sembra un nuovo messaggio Fluxus, lanciato per dire a chi può entrare in contatto con questa musica che in certi momenti si può abbandonare tutto, per cercare davvero il senso del perché facciamo arte o del perché non possiamo farne a meno.

Recensione

Michele Coralli, Altremusiche, 4 avril 2011

Dopo aver toccato vertici di impalpabilità formale dettati da orientamenti glitch di non ritorno (e pensiamo alla parabola microwave di Klaxon Gueule) Michel F Côté e compagni si rituffano in ambienti sonori nei quali timbri e gesti tornano all’umano. Luoghi dell’improvvisazione al posto di pura manipolazione, strumenti reali prima ancora che virtuali. In tempi di transgenia musicale è bene premetterlo. E se l’immaginario di Klaxon Gueule, pur nella più remota distanza dell’etichettatura, poteva riportarci a un mondo della canzone rock, quello di Pink Saliva non può non condurci disordinatamente verso il mondo dello standard jazz più apocrifo e meno rispettoso di quelle tante regole auree che hanno soffocato il genere.

Jazz, comunque e nonostante tutto, poiché sembra facile riconoscere all’interno dei diversi segmenti cesellati con cura epigrammatica e grande gusto coloristico quel pattern di facile presa che un tempo era ritmo e armonia, e oggi è pulsazione e rumore. E se qua un beat ossessivo fa la sua comparsa tra le macerie di un rave perduto, là un larsen si mescola ad anticaglie psichedeliche per poi dare spazio ad un’ambient contaminata e contraddetta da meditabonde esplorazioni percussive nelle quali Côté mette (finalmente) in evidenza doti di grande fantasista della batteria. Un altro lavoro da appuntarsi da parte della premiata ditta &.

Un altro lavoro da appuntarsi da parte della premiata ditta &records.

Recensione

Michele Coralli, Altremusiche, 19 novembre 2010

Musica che parla per immagini, giustamente definita altrove “cinematica” per il suo srotolarsi come un lento tappeto di immagini formalizzate in sequenze di suoni. La bulimia di immagini prodotta nelle nostre menti non necessita di ulteriori materiali di stimolo, le scorte sono in avanzo, basta qualche semplice ripescaggio. Nuova psichedelica? Potrebbe essere un cammino da percorrere. Niente effetti speciali, né droga, ma solamente le tossine cinematiche che ci portiamo dentro da anni. Chi la considera ambient sbaglia, poiché Mecha Fixes Clocks di Michel F Côté, sebbene utilizzi grammatiche molto simili alla musica di riempimento paesaggistico, lavora la materia in un cesello molto più minuzioso, specie nell’aggregare rimandi e disturbi. Si riescono così a produrre nella memoria di chi ascolta ripescaggi aleatori e assolutamente non vincolanti. Glissando wyattiani, fratture glitch, crepuscolarismi hollywoodiani e folklori senza patria. Quello di Côté, al pari di lavori come quelli nei Klaxon Gueule, appartiene più all’arte del montaggio e della decostruzione, piuttosto che alla creazione di per sé, sebbene poi, alla luce di quanto appena scritto, le due cose tendano inevitabilmente a sovrapporsi.

Nouveau psychédélique? Ce pourrait être une voie à suivre

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.