La boutique des nouvelles musiques

A Global Taxonomical Machine Taxonomy

Taxonomy (Elio Martusciello, Graziano Lella, Roberto Fega) est un groupe italien d’interprétation et d’improvisation, intéressé au synchrétisme entre les différents codes musicaux. Une taxonomie qui rend toujours possible la décomposition du tout en ses parties constituantes. Une ligne d’ombre entre osmose et isomorphisme.

Dans la lignée de Parasites (AM 096), cette formation s’inscrit dans une esthétique électro-bruitiste. Le mixage, qui possède la finesse de l’électroacoustique, rehausse une richesse de détails, une palette de contrastes allant du noise retentissant aux plages silencieuses. Cet album livre une heureuse réunion de bruits concrets, d’effets électroniques abstraits et de passages acoustiques. Martusciello est membre du groupe d’improvisation Ossatura.

Des lieux que n’identifie aucune carte. Des analogies morphologiques qui se situent entre la pensée et les micro-organismes. D’étranges corrélations entre les lettres des alphabets oubliés et les langues mondialisées (délocalisées). Pour nous, livres, alphabets, signes, chimie (organique et inorganique), géographie, religion, politiques, périples; tout cela n’était avant que les décors de l’expérience, du rêve, de l’aspiration. Et puis nous nous sommes retrouvés devant le même rayon de la même bibliothèque.

Nous ne sommes pas particulièrement cultivés, c’est pourquoi nous nous limitons à la taxonomie, la plus arbitraire des taxonomies. Nous avons convenu de compiler les signes selon nos désirs. Le volume qui en résulte ne raconte aucune histoire; il ne révèle pas une seule vérité ou découverte. C’est un texte illisible, sans signification aucune, mais habité d’un sens. Si, d’une certaine façon, le monde même se reflète dans les myriades de fragments qui le composent, alors c’est là le fragment que nous avons découvert.

Fort impliqués dans diverses formations et se démarquent par leur polyvalence, les membres de ce trio vibrent de musiques improvisées et expérimentales. Elio Martusciello s’illustre sur la scène d’électroacoustique et est récipiendaire de nombreux concours internationaux. En plus de jouer de l’électronique, Roberto Fega joue du saxo ténor et soprano. Il est membre de Titubanda, une fanfare politiquement engagée, du collectif multimédia Arturo, et collabore avec la danse. Graziano Lella est d’abord bassiste et saxophoniste. Il a notamment joué dans un groupe punk et un groupe rock d’avant-garde, Dura Figura, en 1997.

A Global Taxonomical Machine

Taxonomy

Elio Martusciello, Graziano Lella, Roberto Fega

La presse en parle

  • Nicolas Pelletier, emoRAGEi, 31 août 2006
  • Luc Bouquet, ImproJazz, no 125, 1 mai 2006
    rien ne se désarticule ici, tout se distille avec gourmandise, élégance et évidence.
  • Alan Freeman, Audion, no 51, 1 mars 2006
  • Francesca Odilia Bellino, All About Jazz Italy, 1 décembre 2005
  • Michele Coralli, Altremusiche, 7 novembre 2005
  • Petr Ferenc, Unijazz, 1 novembre 2005
  • Roald Baudoux, Les Cahiers de l’ACME, no 224, 17 septembre 2005
    Taxonomy parvient à relier de manière heureuse des univers variés et des atmosphères sonores contrastées, tantôt agitées, tantôt d’un calme olympien.
  • Marco Carcasi, Sands Zine, 15 septembre 2005
    These are fast and serene neural migrations that move along a series of sensorial, fascinating ellipses…
  • Etero Genio, Kathodik, 8 septembre 2005
    Un disco super…
  • Marco Carcasi, Kathodik, 8 septembre 2005
    Senza ombra di dubbio uno degli snodi cruciali della nostra contemporaneità nostrana.
  • Mike Meginnis, Splendid E-Zine, 18 août 2005
    A Global Taxonomical Machine is fascinating.
  • Paul Bijlsma, Phosphor, no 118, 1 août 2005
    A dynamic electro accoustic output.
  • Dolf Mulder, Vital, no 481, 5 juillet 2005
    The album is very well produced. The music sounds very clear, and so it’s impossible to miss any detail.

De zéro à disque

Nicolas Pelletier, emoRAGEi, 31 août 2006

Taxonomy réunit deux membres des improvisateurs d’Ossatura [sic] (Elio Martusciello, guitariste, et Roberto Fega, échantillonnage), à Graziano Lella, au laptop. Ce trio italien propose un mélange de séquences électroniques et de bruits concrets agrémentés de passages acoustiques. Le travail présenté sur cet album sent la minutie à plein nez. S’il y a eu improvisation, c’était avant les traitements informatiques, d’une formidable précision. Loin d’être brouillonne, la musique de Taxonomy se savoure en prêtant attention aux détails dans la texture, la variété et la profondeur des sons. Plusieurs niveaux de lecture (ou d’audition, si vous préférez) sont ainsi possibles. Les titres sont plutôt contrastés (la ballade Bear Witness Against Themselves précède le rocailleux voyage sidéral de Light the Fires of Insubordination), mais il y a pourtant un fil conducteur qui unit ces enregistrements datant des années 2003-04. Intéressant!

Critique

Luc Bouquet, ImproJazz, no 125, 1 mai 2006

Voici une musique sans querelle, sans parti pris agressif. Qu’elle soit élaborée électroniquement (une guitare par ci, une clarinette samplée par là) ne change rien à l’affaire; rien ne se désarticule ici, tout se distille avec gourmandise, élégance et évidence. Les balayages se construisent par petites touches et s’ils envahissent l’espace, ce n’est pas par orgueil ou par désir de marquer un territoire mais parce que la musique devaint en passer par là pour atteindre (attendre) le silence. Le voici, ce silence, dense, constructif, troué de quelques imperceptibles soubresauts. Il reviendra plus tard, s’ouvrant alors à des soleils bienveillants, des astres filtrants.

Cette musique possède son rhytme, sa navigation. Je ne saurais dire si elle est lente, hypnotique ou cabossée. Ce que je sais, c’est qu’elle s’engage avec sincérité dans des bras de fleuve aux destinées secrètes et protectrices. A mettre entre toutes les oreilles.

rien ne se désarticule ici, tout se distille avec gourmandise, élégance et évidence.

Recensione

Francesca Odilia Bellino, All About Jazz Italy, 1 décembre 2005

Le presenti quattro novità della canadese Ambiances Magnétiques rendono bene il raggio di azione — esteso, vasto e aperto — che questa etichetta copre.

La parola è musica. Era già il motto de Le Trésor de la langue, CD per l’Ambiances Magnétiques del 1989 di René Lussier dove le intonazioni del discorso determinavano le melodie strumentali. In Oralizations, Paul Dutton, uno dei massimi esponenti mondiali della vocal sound art, continua il discorso di Lussier, spingendo quasi al parossismo le proprie escursioni (non verbali) nel dominio musicale del canto sonoro (soundsinging).

La parola oltre la parola, in essenza. In Oralizations Dutton intercala pezzi “parlati” a pezzi “cantati”, considerando parola e musica come le due estremità di un continuum sonoro sul quale l’artista muove il proprio lavoro. Ne risulta una sorta di “meta-logo” che tenta di esprimere l’indicibile, attraverso tutto lo spettro (vocale, canoro, sonoro, rumoristico, fonologico) di cui il suo locutore può servirsi. Lavoro di indubbia difficoltà, ma di assoluto interesse [essenziale l’ascolto in cuffia].

Leaves and Snows è un disco del trio formato dal giovane e talentuoso chitarrista Antoine Berthiaume, dal pianista francese Quentin SirJacq, e dall’ingegnere del suono Norman Teale. Di tutt’altro genere rispetto al precedente (qui siamo in completa sperimentazione jazz), sembra avere continuità non diretta, non esplicita, assolutamente non cercata. Presenta un certo uso della particella suono — provenga essa dal graffio delle corde, dal tocco del piano o dal missaggio elettronico — che tocca sia parola (intesa come poesia) che musica (intesa come discorso sui suoni).

Da corde, tasti, percussioni sfiorate (e poco percosse) scaturisce un jazz di matrice sperimentale, con riferimenti voluti ad un Derek Bailey e ad un Fred Frith, una musica profonda, cupa a tratti, piena d’imprevisti, oscillante in una atmosfera rarefatta. Lavoro immaginario e immaginifico, per carattere dei suoi interpreti, beffeggia le regole della gravità con il suo senso di irrinunciabile sospensione.

Di impronta nettamente jazzistica è invece Jardin d’exil del canadese Ensemble en pièces, quintetto guidato dal sassofonista Philippe Lauzier, accompagnato dal pianista Alexandre Grogg, dal batterista Thom Gossage, dal trombettista Andy King e dal contrabbassista Christophe Papadimitriou.

Jardin d’exil snocciola quattordici brani di una musica che fatica a bilanciarsi tra chiarezza e confusione. L’instabilità non è la tecnica (fragile confine tra improvvisazione e composizione), quanto piuttosto il punto d’intesa raggiunto — un corto instante, tu sei là, immobile. La musica si frantuma letteralmente nei pezzi dell’ensemble, restituendoci poche e forse vaghe certezze, atmosfere schive, immagini discontinue. Sincopi sui tempi deboli, essenza di questo jazz.

Taxonomy (che sta per Elio Martusciello, Graziano Lella e Roberto Fega) suona e improvvisa esplorando terreni di un sincretismo elettronico da tempo esso stesso terreno di ricerca. La combinazione di suoni (quale che sia la loro provenienza) non è un monolite freddo all’ascolto, ma al contrario A Global Taxonomical Machine, è una vera e propria macchina in grado di classificare ogni particella e da cui fluiscono luci e ombre di una musica ricchissima di dettagli e di sfumature. Statica e dinamica, silenzio e ipertensione dello spazio acustico sono campi di indagine di questo lavoro che riesce a mantenere un’impronta piacevolmente attenta all’acustica. Tre essenze affiatate che disseminano nella trama di questo lavoro sapienza ed essenza. Non sono da nessuna parte (solo un clarinetto ci ricorda che siamo in presenza di un fiato, di una vita, di una persona), eppure è così pregna di loro questa musica…

Recensione

Michele Coralli, Altremusiche, 7 novembre 2005

La breve frase di una chitarra ripetuta e sporcata da una serie di disturbi elettronici che lentamente hanno il sopravvento sull’interno paesaggio sonoro di questa macchina tassonomica globale. Dietro al glitch si nasconde oggi tutto ciò che viene processato, ovvero allontanato da qualsiasi evocazione gestuale a tal punto da far scomparire l’idea stessa del musicista e suggerire invece quella di un’intelligenza artificiale che plasma la musica secondo un proprio disegno, razionale, quanto incommensurabile.

Certe esperienze come quelle di Taxonomy (alias Elio Martusciello, Graziano Lella e Roberto Fega) andrebbero lasciate sedimentare a lungo (anni o decenni), prima di poterne trarne un qualsivoglia tipo di giudizio. Non si tratta di pusillanimità critica, bensì di consapevolezza della necessità di un maggiore distacco storico da molte di quelle esperienze estemporanee che si stanno adunando attorno alle apparentemente infinite possibilità dei processi di manipolazione digitale. Molte delle sperimentazioni che si compiono oggi sono da ascriversi in un contesto che trova l’inizio della propria storicizzazione in molte di quelle musiche del recente passato in stretta relazione con le innovazioni tecnologiche che hanno consentito di allargare le capacità percettive di una buona fetta di ascoltatori.

Certo oggi il laptop senza il giradischi, i nastri Ampex, le valvole AEG e i circuiti modulari farebbero senz’altro un’altra musica, così come i Taxonomy senza Schaeffer, Cage, Riley, e… Marino Zuccheri. Ci sono costruzioni che però sembrano logiche, stabili, incrollabili pur nell’estemporaneità della loro edificazione (vedi l’Electro-Acoustic Ensemble), altre sfuggono il processo ricreativo che ognuno di noi innalza a Gestalt nell’ascolto di un lavoro anche complesso. Martusciello e compagni sembrano voler continuamente spostare l’angolo di tiro, per rendersi imprendibili e sfuggire ogni inquadratura.

Una caratteristica del genere appartiene senz’altro ai grandi, anche se la creazione di una tassonomia basata sulla forza dell’errore può rilevarsi un progetto tanto utopico, quanto inutile, come già Pierre Schaeffer ha dimostrato con il suo tentativo, andato frustrato, di voler classificare tutti i rumori secondo decine e decine di categorie diverse. Anche la memoria di un laptop, o di mille laptop, per quanto umanamente non quantificabile, si pone come uno spazio segnato da un limite. Ma forse per capirne davvero le potenzialità si dovrà aspettare ancora.

Critique

Roald Baudoux, Les Cahiers de l’ACME, no 224, 17 septembre 2005

Taxonomy est un trio italien formé en 2003 et composé de Elio Martusciello (guitare et instruments électroniques), Graziano Lella (ordinateur portable), également connu sous le pseudonyme arg, et Roberto Fega (échantillonnage et traitement). Martusciello n’est pas un inconnu, puisqu’il mène une carrière de compositeur électroacoustique et a remporté de multiples concours dans le monde entier. Mais ici, les musiques sont co-composées avec les autres membres de la formation. De plus, l’improvisation occupe également une large part dans la construction de ces musiques (Martusciello et Fega font d’ailleurs partie du groupe d’improvisation bien connu Ossatura). Les matières sonores présentes A Global Taxonomical Machine démontrent un savoir-faire certain dans l’utilisation de l’outil électroacoustique au travers de la qualité de facture, presque équivalente à ce qu’on peut trouver dans des pures musiques de studio. Taxonomy parvient à relier de manière heureuse des univers variés et des atmosphères sonores contrastées, tantôt agitées, tantôt d’un calme olympien. Malgré ces qualités indéniables, il manque à ces musiques un peu de densité dans l’écriture et surtout une forme. En effet, la succession d’états statiques basés sur des figures sur fond ne donne pas à percevoir une réelle dynamique à l’œuvre dans le temps.

Taxonomy parvient à relier de manière heureuse des univers variés et des atmosphères sonores contrastées, tantôt agitées, tantôt d’un calme olympien.

Recensione

Marco Carcasi, Sands Zine, 15 septembre 2005

Martusciello, Fega e Lella, come se nulla fosse in punta di piedi e senza strepiti eccessivi ti vanno a generare un dischetto agile e snello che nel giro di pochi ascolti si ritaglia (impossessa) un suo spazio fisso accanto (dentro) al lettore cd.

Microstatiche scariche granulose che s’intoppano e s’ingozzano di silenzi (mai troppo silenti) evocativi e placidi spesso interrotti da dolci incursioni acustiche subdole come bacio di serpente.

La lente d’ingrandimento utilizzata dai tre è perfetta risultante del lavoro d’affiato creatosi nel corso di numerose pubbliche adunanze che, 1+1+1 generano un percorso acustico fatto di microscopiche celle d’isolamento per singole parti costituenti di ambienti ben più vasti.

Elettroacustica vagabonda e ricerca del dettaglio, linea d’ombra acusmatica che come nella bellissima Behind Me attraversa e travalica con economia di suoni diversi strati stilistici non impantanandosi mai per un attimo in nessun luogo fisso.

Migrazioni neurali veloci e serene lungo una serie di ellissi sensoriali affascinanti come poche altre in questo periodo razzolando bellamente fra spasmi improvvisativi ed istanze subdolamente minimali;un retrogusto sarcastico di fondo a far la differenza.

Sembrano bellissime e strane creature balbettanti cresciute all’ombra di una montagna fatta di dubbi, sembrano creature semplici che subiscono un continuo ed involontario spostamento in avanti nel momento stesso che le si incontra, scorbutiche e poco loquaci; non concedono facili appigli interpretativi se non quello di una fragranza generale che resta a lungo nell’aria dopo il loro passaggio.

Una particolare risonanza interiore che scuote nel profondo senza mai essere ostile.

Armonia e consapevolezza.

Azione e pratica.

These are fast and serene neural migrations that move along a series of sensorial, fascinating ellipses…

Recensione

Etero Genio, Kathodik, 8 septembre 2005

Attendevo con una certa curiosità questo esordio del trio (quasi) romano, e l’attesa è stata ampiamente ripagata da un CD pubblicato con il prestigioso marchio canadese della Ambiances Magnétiques. A Global Taxonomical Machine è, assecondando l’idea della eccelsa confezione, un disco di graffiti sonori, scampoli in perenne bilico fra ordine e disordine: più il loro stato di equilibrio appare precario e più il loro aspetto risulta affascinante. Un’altra nota riguarda le strutture che, per quanto ardite, non prevaricano mai il piacere dell’ascolto. La prima pista, Bear Witness Against Themselves, fa immediatamente eco alle mie parole, con quel suo tema da zampognari che si perde, si dissolve, in grumi di voci incontrollate, colpi di tosse e risonanze metalliche. Light the Fires of Insubordination mantiene la tensione piuttosto alta, con uno spericolato contrasto fra una prima parte molto rumorosa ed una seconda dalle pulsazioni impercettibili, quasi silenti. Ma è nella bellissima melodia tracciata dal clarinetto (Roberto Fega?) e continuamente ‘svergognata’ da suoni illogicamente a-melodici, (Ad Esempio, che il trio raggiunge il suo vertice espressivo. Dopodiché ogni probabilità entra nel limite del possibile, anche il ritmo classicamente jazzy sottinteso nella sezione iniziale di Dipinto sul Nulla… ma questo ‘avant le désastre’, cioè prima che un voltafaccia trasformi lo stesso titolo in una cosa che rolla come fosse una Gimme Some Lovin’ per la città dell’utopia digitale. È così che Behind Me, una sottile lezione di ambientologia minimale, finisce per essere il momento più scontato di tutta la raccolta. La tensione torna subito su alti livelli con Eme, il pezzo più aggrovigliato e ricco di variazioni, un autentico colpo basso ad ogni idea di stabilità. Segue un breve tratteggio ripetitivo intitolato Exaust Utopias e un frammento di otto secondi ricollegabile a In primo luogo degli Starfuckers (Creare Metafore). Il disco si chiude sulle avvolgenti linee secanti di Euglena che, insieme a Ad Esempio, candiderei per il podio. Un disco super consigliato e da affiancare, nel caso vogliate approfondire, ad alcune ottime realizzazioni soliste dei tre musicisti: Unoccupied Areas (ReR) di Elio Martusciello, Arg (SIRR.ecords) di Arg/Graziano Lella e Metafonie (Aleatory prod.) di Roberto Fega.

Voto 8

Un disco super…

Recensione

Marco Carcasi, Kathodik, 8 septembre 2005

La realtà muta continuamente a seconda del punto di osservazione. Una strada non è soltanto una strada, è stata montagna, foresta, probabilmente mare aperto; forse anche poco più di nulla.

Il concetto di tempo stesso il più delle volte non è altro che un puro distillato di commercio che poco aggiunge alla vita di un individuo; anzi! Martusciello, Lella e Fega paiono estremamente consapevoli della doppiezza che si agita sotto ogni cosa ed evento, nella loro produzione in solitaria risulta evidente la continua necessità di travalicare gli schemi abusati di certa impro elettroacustica, il modello ideale è la perdita; non la certezza.

Il linguaggio di questa uscita unitaria sembra ampliare di molto le singole prospettive offrendosi come ipotetico specchio convesso generante visioni alterate della realtà circostante. Il passaggio di Ad Esempio con la sua linea clarinettistica sibillina a punto interrogativo che si muove su una serie di disturbi di fondo è esemplare nel suo incedere enigmatico, gli scossoni in lontananza paiono reali disturbi del quotidiano che irrompono sulla scena; un cattivo sogno consapevole di essere cattivo?

Probabilmente si.

Quando in Eme, fra silenzi e disturbi vari una voce femminile esclama, scamorza e prosciutto prima di essere reingoiata dal suono tutto si chiarifica come d’incanto.

Ipotetica colonna sonora per documentario su un Miles Davis che non produce una nota, ipotetica colonna sonora per un documentario sui Throbbing Gristle alle prese con il sugo per la pasta durante le registrazioni di "20 jazz Funk Greats"; ipotetica colonna sonora per un film che deve essere ancora girato.

Perfetta conchiglia da accostare all’orecchio in caccia di tesori nascosti, se poi si sente il rumore del mare o meno questo non è un problema; l’importante è la conchiglia e quel che si vuol sentire.

Il resto arriverà in seguito da solo, in un’altro momento e non richiesto. Le contorsioni lunari o circensi a seconda del proprio stato d’animo che agitano Dipinto sul Nulla sono, se possibile, l’ennesima conferma di quanto si diceva prima.

Il travalicamento del vedere e sentire.

Una strada che parte come strada e poi si tramuta all’improvviso in bosco e poi diventa pietra e poi torna ad essere strada.

Senza ombra di dubbio uno degli snodi cruciali della nostra contemporaneità nostrana.

Uscite e fatelo vostro ad ogni costo.

Voto 8

Senza ombra di dubbio uno degli snodi cruciali della nostra contemporaneità nostrana.

Review

Mike Meginnis, Splendid E-Zine, 18 août 2005

A Global Taxonomical Machine is fascinating. It is unique. It is intelligently, carefully crafted.

However, that doesn’t mean you’re going to enjoy listening to it.

Art with a capital A, this collection of electronic sound collages and vast silences would have been confrontational a decade ago by virtue of its almost total lack of recognizable musical elements. In 2005, most listeners who don’t buy their music at Wal-Mart are at least passingly aware of minimalism and sparse electronica, so Taxonomy aren’t exactly offering a wholly revolutionary concept. It turns out you can get a pretty cool experience without melody or harmony. We already knew that.

Still, if you’re willing to invest the effort it requires and deserves, A Global Taxonomical Machine can be quite absorbing — full of static, fuzz, subliminal clicks and sharp, modem-like sounds. On the rare occasion that something resembling a melody comes into focus, you’ll latch onto it like a long-lost sailor to land.

Still, a few elements, like the five minutes of complete silence that comes midway through the record, are a little too artsy for their own good. Stuff like that is the main reason you can’t expect A Global Taxonomical Machine to provide a conventional reward; what you get out of it will be determined entirely by what you put in.

A Global Taxonomical Machine is fascinating.

Review

Paul Bijlsma, Phosphor, no 118, 1 août 2005

An Italian trio is behind the bandname Taxonomy. Graziano Lella, Elio Martusciello and Roberto Fega together explore the possibilities between improvisation and noise. Martusciello and Fega are also part of the improvisation group Ossatura, so some of you will have an idea what to expect. Taxonomy presents nine tracks in which calm moments are followed by sudden outbursts, harsh noise is combined with real instruments. The music is full of details and action. A dynamic electro accoustic output.

A dynamic electro accoustic output.

Review

Dolf Mulder, Vital, no 481, 5 juillet 2005

Taxonomy is a project by self taught musician and composer Elio Martusciello. Electroacoustic music has his main interest, but he also likes to be involved in live improvisation. His collaborations are many. As Schismophonia he forms a duo with guitarist Mike Cooper. He released albums together with his brother Maurizio. And of course we should not forget to mention Ossatura, his trio with Fabrizio Spera and Luca Venitucci. His newest project is also of a trio format. Taxonomy is Graziano Lella (computer), Roberto Fega (sampling and signal processing) and Martusciello himself on guitar and electronics. Fega is originally a sax and clarinet player who started his career in the avant-garde rock group Dura Figura. The same for bass player and sax-player Lella. Both discovered through workshops by Tim Hodgkinson a.o. new territories. And now with Taxonomy they enter the world of electroacoustic and musique concrete.

In 9 pieces they give a demonstration of their craftsmanship. According to the liner notes all tracks are composed by the three musicians, but I suppose improvisation played a role in the composing process. In most pieces they make use of a wide dynamic range. Noisy and loud sections disappear in long silent parts. Sound or prerecorded music coming from acoustical instruments is followed by and mixed up with electronic soundsources. All tracks are built up in their own way and are colored by specific sounds. A track like Behind Me is the outsider on this album. It’s a long and silent track. Not much happening here, where as in most pieces it is an ongoing busyness of all kinds of sounds. The album is very well produced. The music sounds very clear, and so it’s impossible to miss any detail.

The album is very well produced. The music sounds very clear, and so it’s impossible to miss any detail.

Blogue

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.