The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Francesco Nunziata, Ondarock, November 7, 2010

Suonano jazzcore i La Part maudite (moniker che rimanda direttamente a un saggio di Georges Bataille), trio (Mivil Deschenes al basso e ai “pedali”, Patrick Dion alla batteria e Philippe Battikha alla tromba) proveniente da Montréal, Canada.

Our Balls Are Like Dead Suns è il loro esordio (edito dalla & Records) e presenta un alternarsi di distorsioni e assalti ritmici, paesaggi tenebrosi e algidi incantesimi che, per certi versi, potrebbero far pensare alle ultimissime prove dei Supersilent (si ascolti, per esempio, la cupissima Barnacle Bay). In questo gioco di contrasti anche veementi (Panic Park, Boxer Blood, Maison des jeunes) sta tutto il significato ultimo di queste composizioni, tutte sostenute da una buona ispirazione.

La densa, claustrofobica bruma che apre Ladyburn si tinge di desolazione grazie al timbro Davis-iano della tromba, ma poi, tra vibranti squarci elettrici, solidi tappeti ritmici e deragliamenti più o meno controllati, si entra nel vivo della questione, passando lungo le infernali saturazioni avant-shronk di Asbestos e le fattezze claudicanti di Barnacle Bay. Quella di Half-Sucked Egg, invece, è una marcia funebre che va in accelerando tra virulenze noisy e concretismi austeri, mentre Lixiviate procede spiraleggiando acida e convulsa. Da seguire.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.