The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Francesca Odilia Bellino, All About Jazz Italy, December 1, 2005

Le presenti quattro novità della canadese Ambiances Magnétiques rendono bene il raggio di azione — esteso, vasto e aperto — che questa etichetta copre.

La parola è musica. Era già il motto de Le Trésor de la langue, CD per l’Ambiances Magnétiques del 1989 di René Lussier dove le intonazioni del discorso determinavano le melodie strumentali. In Oralizations, Paul Dutton, uno dei massimi esponenti mondiali della vocal sound art, continua il discorso di Lussier, spingendo quasi al parossismo le proprie escursioni (non verbali) nel dominio musicale del canto sonoro (soundsinging).

La parola oltre la parola, in essenza. In Oralizations Dutton intercala pezzi “parlati” a pezzi “cantati”, considerando parola e musica come le due estremità di un continuum sonoro sul quale l’artista muove il proprio lavoro. Ne risulta una sorta di “meta-logo” che tenta di esprimere l’indicibile, attraverso tutto lo spettro (vocale, canoro, sonoro, rumoristico, fonologico) di cui il suo locutore può servirsi. Lavoro di indubbia difficoltà, ma di assoluto interesse [essenziale l’ascolto in cuffia].

Leaves and Snows è un disco del trio formato dal giovane e talentuoso chitarrista Antoine Berthiaume, dal pianista francese Quentin SirJacq, e dall’ingegnere del suono Norman Teale. Di tutt’altro genere rispetto al precedente (qui siamo in completa sperimentazione jazz), sembra avere continuità non diretta, non esplicita, assolutamente non cercata. Presenta un certo uso della particella suono — provenga essa dal graffio delle corde, dal tocco del piano o dal missaggio elettronico — che tocca sia parola (intesa come poesia) che musica (intesa come discorso sui suoni).

Da corde, tasti, percussioni sfiorate (e poco percosse) scaturisce un jazz di matrice sperimentale, con riferimenti voluti ad un Derek Bailey e ad un Fred Frith, una musica profonda, cupa a tratti, piena d’imprevisti, oscillante in una atmosfera rarefatta. Lavoro immaginario e immaginifico, per carattere dei suoi interpreti, beffeggia le regole della gravità con il suo senso di irrinunciabile sospensione.

Di impronta nettamente jazzistica è invece Jardin d’exil del canadese Ensemble en pièces, quintetto guidato dal sassofonista Philippe Lauzier, accompagnato dal pianista Alexandre Grogg, dal batterista Thom Gossage, dal trombettista Andy King e dal contrabbassista Christophe Papadimitriou.

Jardin d’exil snocciola quattordici brani di una musica che fatica a bilanciarsi tra chiarezza e confusione. L’instabilità non è la tecnica (fragile confine tra improvvisazione e composizione), quanto piuttosto il punto d’intesa raggiunto — un corto instante, tu sei là, immobile. La musica si frantuma letteralmente nei pezzi dell’ensemble, restituendoci poche e forse vaghe certezze, atmosfere schive, immagini discontinue. Sincopi sui tempi deboli, essenza di questo jazz.

Taxonomy (che sta per Elio Martusciello, Graziano Lella e Roberto Fega) suona e improvvisa esplorando terreni di un sincretismo elettronico da tempo esso stesso terreno di ricerca. La combinazione di suoni (quale che sia la loro provenienza) non è un monolite freddo all’ascolto, ma al contrario A Global Taxonomical Machine, è una vera e propria macchina in grado di classificare ogni particella e da cui fluiscono luci e ombre di una musica ricchissima di dettagli e di sfumature. Statica e dinamica, silenzio e ipertensione dello spazio acustico sono campi di indagine di questo lavoro che riesce a mantenere un’impronta piacevolmente attenta all’acustica. Tre essenze affiatate che disseminano nella trama di questo lavoro sapienza ed essenza. Non sono da nessuna parte (solo un clarinetto ci ricorda che siamo in presenza di un fiato, di una vita, di una persona), eppure è così pregna di loro questa musica…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.