The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Enrico Bettinello, Blow Up, no. 79, December 1, 2004

Attivissima, la scena canadese testimoniata dalla Ambiances Magnetiques, ci presenta il compositore e chitarrista Tim Brady in un ambizioso lavoro per chitarra elettrica, campionatore e orchestra. Più che un concerto, ci spiega nel libretto, l’attitudine è quella sinfonica, con le varie parti a integrarsi e l’elettronica a fare da volano – sia nel filtraggio degli strumenti acustici, sia nell’uso del campionatore come espansione dell’aspetto chitarristico. Si toccano diverse atmosfere – alcune felicemente allucinatorie, altre leggermente didascaliche–e il lavoro è di ottimo livello. Bello anche il più breve Frame 1.(7+)

Di impronta chiaramente jazzistica è invece Jardin D’Exil dell’Ensemble En Pièces guidato dal sassofonista Philippe Lauzier e dal pianista Alexandre Grogg e splendidamente a suo agio sul filo dell’equilibrio tra struttura e libertà, avvicinandosi a molti spunti del jazz europeo più avanzato.(7)

Doppio – cd audio + cd video–è Atlas Epileptic dell’artista multiforme Pierre-André Arcand, poeta visuale, dj, performer. Il titolo è già fantastico. L’uso di vari espedienti, tra cui il software Macchina Ricordi, la manipolazione di campionamenti di precedenti lavori, il trattamento della voce, rende il disco [e il suo fratello “visuale”] un interessantissimo susseguirsi di esperienze.(8)

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.