Blog ›› Archive ›› By Date ›› 2008 ›› December

27 December 2008
By Claude Gingras in La Presse (Québec), December 27, 2008

Press Clipping

blogue@press-3694 press@3694
27 December 2008
By Marco Carcasi in Kathodik (Italy), December 27, 2008

Text

“Un suono globale da urlo, materiali in movimento, costantemente posizionati a mezz’aria nel cielo, ognuno, perfettamente riconoscibile, ognuno, nella sua nitidezza in movimento, assolutamente bastante a se stesso.”

Taxonomy è macchina elettroacustica (definizione che non rende giustizia al lavoro del trio…) pressoché perfetta. I dieci movimenti che compongono il lavoro, strutturano una visione suono che non trova attualmente eguali, nel panorama globale. E definirli elettroacustici, è un limitare colpevole la portata del loro operato. Graziano Lella, Elio Martusciello e Roberto Fega, si barcamenano fra chitarre acustiche, classiche ed elettriche, basso, violini preparati, zither, métallophone, laptop, oggetti, giocattoli, clarinetto basso, sampling, qualcos’altro di imprevedibile ed imprendibile. Delineano, cosi facendo, dieci movimenti che avanzano (in realtà) come corpo unico dove le ipotesi portate avanti nell’esordio “A Global Taxonomical Machine”, vengono ampiamente superate da un sentire, che è summa e travalicamento di un certo tipo di suono. Diciamo chiaramente, che ogni altro ensemble similare, per le intuizioni che Taxonomy mette in campo, si strapperebbe gli occhi. Perché, in 10 Taxonomical Movements, ci sono scarti ed accelerazioni concettuali che potrebbero valer una carriera intera. Maggiormente suonato rispetto al precedente lavoro, e maggiormente compatto (il muoversi in unica, cangiante onda…), 10 Taxonomical Movements, si dipana, equilibrato ed aereo. Lavoro sulla materia, ma, data la rigorosità strutturale esposta, viene spontaneo definirlo lavoro politico, figlio di ansie e paturnie odierne che filtrano nel corpo cavo suono. Dall’inizio circolare di Ouverture (sinusoidali e voce femminile), passando per la frammentazione digitale/pietrosa di Sostenuto — sospeso (con drones centrale nitido e possente trattenuto a mezz’aria), il jazz passato per la virulenza quotidiana quasi al proprio termine di Andante con moto (tema), la pausa aurorale di Crescendo — maestoso (il suo scomporsi digitale, il suo perdersi e poi ritrovarsi), l’ornitologica Adagio — indugiando (cinema per l’orecchio commovente), Solenne — vivo (stirar di corde in direzione del cielo cupo più, un’invettiva dronante emessa a labbra chiuse), Larghetto — appassionato (tema), che si scompone in acustica impro ma non torna, si affacciano spettri etnici di parti più calde del mondo (il Sud America?), cubista sul serio questa, snodo, centro, cuore, con la precedente Solenne. E poi ancora, le intromissioni tratte da “Ta’m e Guillas” di Kiarostami, Tranquillo — con fuoco di una definizione acustica stordente, i suoi scarti leggeri, il suo esser traforante senza arrecar danno. Un suono globale da urlo, materiali in movimento, costantemente posizionati a mezz’aria nel cielo, ognuno, perfettamente riconoscibile, ognuno, nella sua nitidezza in movimento, assolutamente bastante a se stesso. Si, Taxonomy è suono auto rigenerante che vien rigorosamente setacciato dai tre campioncini nostrani. Fossero stati tedeschi, inglesi o americani, verrebbero osannati, purtroppo per loro, son italiani (storia vecchia…). Ma ce ne freghiamo e lo diciamo egualmente, come Taxonomy, in giro per le strade del mondo, non ce ne sono. Fanno corsa a se. Unici, pallidamente AMM e senza (spero…) risultar eretico, Tape dell’altissimo albo “Mort Aux Vaches”, ma è poco, quasi nulla, ripeto fanno corsa a se. Compratelo, organizzategli live, ospitateli nelle vostre case, suonateli in continuazione, fateli sentire in due parole, a tutto e a tutti. Datevi da fare. Sennò, fra qualche anno, vi maledirete, e vi andrete a comprare la costosissima ristampa nipponica. Muovetevi. Di meglio, non c’è.

blogue@press-3698 press@3698
23 December 2008
By Eric Theriault in Panpot (Québec), December 23, 2008

Text

Y’a du bruit dans ma cabane is all about the process, and is not to be approached with any kind of pop possibility, evidently, but rather with an imaginative heart.”

In what most enthusiasts could clearly identify as an “all-star improv lineup,” Ensemble SuperMusique certainly fit the name they’ve elected to represent themselves. A formidable bunch of misfits and Montréal counter-cultural sound artists of the first order, the crew delivers an onslaught— make it a barrage— of on-the-spot leftfield tic tacs and kling klongs with sax genius Jean Derome, sampler Diane Labrosse, alto sax provider Joane Hétu, percussion queen Danielle Palardy Roger, noted turntablist Martin Tétreault, and drummer Pierre Tanguay. All take part in the proceedings they’ve described as being "like seismographs and decoders of little nothings and big anythings."

The opening burst of saxophone madness and its ensuing revelations on the dazzling and complex Canot-camping, courte expédition is my personal favorite, stuffed with a group of twelve improvisers, and multiple concepts led by a chief apparently utilizing about sixty hand and body signals. In fact, the recording is a bit of an improvisation game "for at least two players, based on the perception of time, and where each sequence lasts exactly one minute— every minute, all musicians switch material at random," creating a conscious form of modular psychosis for the listener. Y’a du bruit dans ma cabane is all about the process, and is not to be approached with any kind of pop possibility, evidently, but rather with an imaginative heart.

blogue@press-3672 press@3672
21 December 2008
By Kurt Gottschalk in Signal to Noise #52 (USA), December 21, 2008

Press Clipping

blogue@press-3685 press@3685
21 December 2008
By Richard Moule in Signal to Noise #52 (USA), December 21, 2008

Press Clipping

blogue@press-3686 press@3686
19 December 2008

After two concerts in Montréal in December, 2008, Isaiah Ceccarelli (percussion) and Pierre-Yves Martel (viola da gamba) will be touring France with French musician Évelyne Moser (voice, medieval fiddle). A cross between the old and new worlds, medieval song and contemporary composition, this new project explores the sonorities of ancient instruments and languages, nourished by improvisation and textural exploration.

  • January 10: Café du Boulevard, Melle (France)
  • January 13: Salle Ockeghem, Tours (France)
  • January 16: Borie-en-Limousin, Solignac (France)
  • January 18: Théâtre des Quarts-d’heure, Paris (France)
  • January 24: Moulin Pousset, Coëmont (France)
  • January 25: Chapelle Sainte-Anne, Tours (France)
blogue@nouv-9213 nouv@9213